ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 08 Gennaio 2024 16:39

L’inflazione venezuelana è stata ridotta del 112% nel 2023, riferisce l’OVF

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'OVF ha spiegato che il calo è dovuto al maggiore intervento della BCV sul mercato dei cambi. Servizi, abbigliamento, attrezzature per la casa e sanità, i settori con il maggiore aumento dei prezzi nel corso dell'anno. "L'inflazione rimane elevata", ha affermato l'Osservatorio.

L’Osservatorio venezuelano della finanza (OVF) ha dichiarato che l’inflazione nell’economia è passata dal 305% alla fine del 2022 al 193% entro la fine del 2023, il che rappresenta un rallentamento della crisi rispetto agli anni precedenti. "Questo rallentamento è dovuto a due fattori principali: il minor deprezzamento del bolivar e la base di confronto", ha spiegato sul suo sito. Il dollaro è raddoppiato l’anno scorso, quindi la sfida economica continua, anche se in misura minore rispetto al 2022.

“La Banca Centrale del Venezuela (BCV) è intervenuta più attivamente sul mercato dei cambi nel 2023 per fermare il deprezzamento del bolivar. Di conseguenza, il prezzo del dollaro è aumentato del 106% nel 2023, rispetto al 281% nel 2022”, spiega l’OVF. Egli ha spiegato che gli stipendi base dei dipendenti pubblici sono diminuiti “drasticamente” negli ultimi anni, con conseguente riduzione della loro capacità di acquisto, uno degli aspetti influenti sul dato dell'inflazione. Il tasso di inflazione a dicembre 2023 si è attestato al 3,9%, in aumento rispetto all’1,9% di novembre, ma ben al di sotto del 37,2% di dicembre 2022. Ciò significa che, sebbene il tasso di aumento dei prezzi abbia accelerato a dicembre 2023, il risultato in termini annualizzati è stato un tasso di inflazione più basso.

Gli articoli che hanno registrato i maggiori aumenti di prezzo nel dicembre 2023 sono stati i servizi, l’abbigliamento e le calzature, le attrezzature per la casa e la sanità. "Questi aumenti sono dovuti ad una combinazione di fattori, tra cui il minor deprezzamento del bolivar, la base di paragone e la politica di riduzione dei salari reali", ha aggiunto l'osservatorio. “Il tasso di inflazione in Venezuela rimane elevato”, è la frase con cui si conclude il rapporto, sottolineando che il minor deprezzamento del bolivar ha causato un significativo apprezzamento reale del tasso di cambio, che “sminuisce” le importazioni, incide negativamente sui conti fiscali e esportazioni non petrolifere.

Read 565 times

Utenti Online

Abbiamo 1270 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine