ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 16 Gennaio 2024 12:29

Missili iraniani su Iraq e Siria, colpiti obiettivi del Mossad e dell'Isis

Written by 
Rate this item
(0 votes)
 Missili iraniani nel Kurdistan iracheno Missili iraniani nel Kurdistan iracheno

I Guardiani della Rivoluzione iraniani avrebbero ucciso quattro civili del Kurdistan iracheno. L'attacco è stato compiuto in 'risposta ai recenti crimini di gruppi terroristici che hanno ingiustamente martirizzato alcuni nostri cari compatrioti a Kerman e Rask.

I Guardiani della Rivoluzione iraniani hanno lanciato nella notte diverse salve di missili balistici su obiettivi definiti "terroristici" in Iraq e Siria, uccidendo almeno "quattro civili" nel Kurdistan iracheno. Alla periferia di Erbil, capitale del Kurdistan autonomo nel nord dell'Iraq, le Guardie della Rivoluzione iraniane hanno affermato di aver preso di mira e distrutto "un quartier generale di spionaggio" israeliano, così come è stato preso di mira "un raduno di gruppi terroristici anti-iraniani", secondo l'agenzia di stampa ufficiale IRNA.

Inoltre, il Corpo delle Guardie iraniane ha annunciato sul suo sito Sepah News di aver individuato in Siria "i luoghi di ritrovo dei comandanti e dei principali elementi legati alle recenti operazioni terroristiche, in particolare dello Stato islamico" (IS) e di averli "distrutti sparando colpi di arma da fuoco" e missili balistici.

L'attacco è stato compiuto in "risposta ai recenti crimini di gruppi terroristici che hanno ingiustamente martirizzato alcuni nostri cari compatrioti a Kerman e Rask", ha aggiunto. L'attacco è stato condannato da Washington: Adrienne Watson, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha parlato di "una serie di attacchi sconsiderati e imprecisi", aggiungendo che "nessuna installazione americana è stata presa di mira".

Nel Kurdistan iracheno, almeno "quattro civili" sono stati uccisi e altri sei feriti dicono le autorità della regione autonoma, precisando che alcuni feriti sono in "condizioni critiche". Un corrispondente dell'AFP a Erbil ha sentito diverse forti esplosioni, quando i missili hanno colpito un'esclusiva zona residenziale alla periferia di Erbil, a nord-est della capitale del Kurdistan.

In un comunicato stampa, il Consiglio di sicurezza del Kurdistan accusa Teheran di ricorrere a "giustificazioni infondate" per i suoi ripetuti bombardamenti contro la regione. Il primo ministro della regione Masrour Barzani ha invitato "il governo di Baghdad ad adottare una posizione ferma contro questa violazione della sovranità irachena", assicurando che sarà in contatto con "i nostri partner della comunità internazionale per porre fine a questi brutali attacchi".

In precedenza, il partito al potere a Erbil, il Partito Democratico del Kurdistan (KDP), aveva riferito della morte di civili, tra cui un magnate immobiliare, Peshraw Dizayee, sua moglie e altri membri della sua famiglia, la cui casa era stata colpita. Un anno fa Teheran bombardava le posizioni di diversi gruppi armati dell'opposizione curdo iraniana, accusati in particolare di essere coinvolti nel movimento di protesta innescato dopo la morte in detenzione di Mahsa Amini. In mattinata i Guardiani della Rivoluzione iraniani hanno assicurato di aver preso di mira e distrutto un obiettivo israeliano nel Kurdistan iracheno - "il quartier generale delle spie del regime sionista (Mossad)", secondo l'IRNA.

Il sito preso di mira sarebbe stato utilizzato per "sviluppare operazioni di spionaggio e pianificare azioni terroristiche nella regione", secondo la stessa fonte. Secondo l'IRNA, l'attacco a Erbil è una rappresaglia per i recenti omicidi di diversi comandanti delle Guardie rivoluzionarie ma anche di leader dell'"asse della resistenza" - il nome dato agli alleati di Teheran nella sua lotta contro Israele. AGI

Read 408 times

Utenti Online

Abbiamo 1019 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine