ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 18 Gennaio 2024 13:36

Il 'conclave' del Pd a Gubbio

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Elly Schlein Elly Schlein

Una due giorni a "porte chiuse" per preparare la sfida delle elezioni europee, con la possibile candidatura di Schlein che resta sullo sfondo.

Una due giorni a "porte chiuse" per preparare la sfida delle elezioni europee. Con questo obiettivo la capogruppo del Pd alla Camera Chiara Braga ha mobilitato i deputati dem, chiamati a un conclave di due giorni a Gubbio, giovedì e venerdì. Un appuntamento sul quale 'pende' l'incognita della candidatura della segretaria Elly Schlein.

Il gruppo dirigente dem continua a studiare le mosse della leader, dividendosi fra chi 'sconsiglia' una discesa in campo di Schlein, chi non vedrebbe nulla di male in una corsa che porterebbe a una "sana polarizzazione con Meloni" e chi dice: "Se si candida, lo deve fare per andare in Europa".

Il 'partito' maggioritario rimane ancora quello del No alla candidatura di Schlein. A guidarlo è il governatore dell'Emilia-Romagna e presidente del Pd, Stefano Bonaccini, che si fa interprete delle preoccupazioni di altri amministratori a scadenza di secondo mandato come lui. Fra questi, Michele Emiliano. Alla base del No di Bonaccini c'è il fatto che una candidatura di Schlein in tutte le circoscrizioni toglierebbe spazio ad altri candidati e candidate e sarebbe in controtendenza rispetto alla tradizione e ai valori del Pd, partito che ha sempre evitato candidature civetta messe in campo al solo scopo di attrarre voti.

Il sospetto di fonti della maggioranza interna, tuttavia, è che quella di Bonaccini sia una strategia per portare Schlein a una posizione più morbida rispetto a una eventuale revisione della regola dei due mandati, con l'ipotesi di estendere la possibilità di essere rieletti per i governatori e i sindaci dei grandi Comuni. Un nervo scoperto, questo, anche all'interno del centrodestra con governatori come Giovanni Toti e Luca Zaia alla scadenza dei mandati a disposizione.

A scandagliare fonti parlamentari dem, l'impressione che ricavano deputati e senatori è che la segretaria sia determinata ad andare avanti verso la candidatura alle europee, senza escludere la possibilità di trasferirsi a Bruxelles una volta fatto il pieno dei voti. Una ipotesi sul tavolo, anche se di difficile realizzazione: con i gruppi parlamentari nati da liste non disegnate da Schlein in prima persona, buon senso - nonché alcuni precedenti di segretari lontani dal Parlamento, come quello di Nicola Zingaretti - vorrebbe che la segretaria rimanesse a Roma.

In ogni caso, fra i deputati del Partito Democratico circola la convinzione che non sarà a Gubbio che Schlein scioglierà la riserva sulla sua eventuale candidatura. Se lo farà, sarà davanti a una platea più ampia di eletti, dirigenti, militanti ed elettori, è il ragionamento offerto. Al Park Hotel ai Cappuccini, i deputati si confronteranno per 24 ore sui temi europei e di politica internazionale.

Il programma dell'incontro

Nella e-mail con la quale Chiara Braga ha invitato i colleghi, si legge: "Di concerto con l'ufficio di Presidenza del Gruppo, ho deciso di dare seguito al progetto di due giornate di approfondimento sull'agenda politica dei prossimi mesi e in vista delle elezioni Europee. L'idea è quella di una forma seminariale con ospiti e specialisti esterni e momenti di confronto". Nella mail si precisa che "l'appuntamento si intende a porte chiuse e riservato alle sole deputate e ai soli deputati che saranno ospiti del Gruppo. Per ora abbiamo individuato il luogo, Gubbio, presso il Park Hotel ai Cappuccini, per le giornate di giovedì 18 gennaio 2024 a partire dal pomeriggio e venerdì 19, per tutta la mattinata".

Una scelta, quella del Park Hotel ai Cappuccini, che presta il fianco ad accostamenti 'scomodi' per i dem: l'hotel ha ospitato più volte Silvio Berlusconi che vi tenne anche la prima edizione della scuola politica di Forza Italia. Schlein ha lasciato al gruppo Camera l'organizzazione dell'evento, fedele alla linea di rispetto dell'autonomia dei gruppi che si è data da inizio mandato al Nazareno. La segretaria, insomma, partecipa al seminario di Gubbio come semplice deputata. Non pernotterà ai Cappuccini, ma raggiungerà i colleghi venerdì, per la relazione di chiusura a causa di impegni presi in precedenza.

I lavori, infatti, saranno articolati in tre sessioni durante le quali deputate e deputati si confronteranno sulla politica internazionale e sul ruolo dell'Europa, oltre che "sull'agenda economica e sociale, sulla propaganda di governo e i sogni di egemonia culturale della destra", si legge in una nota. Il confronto sarà introdotto dai contributi di relatori provenienti dal mondo dell'università, del giornalismo, dell'associazionismo e delle fondazioni culturali.

La prima sessione porta il titolo 'Dove va il mondo, tra guerre e pace, l'Europa di Ventotene': intervengono Pietro Benassi, Francesca Mannocchi, Nadia Urbinati, Franco Vaccari. La seconda è 'La destra al potere: tra propaganda e sogni di egemonia': Daniela Preziosi intervista Silvio Pons, Ernesto Preziosi, Livia Turco. La terza sessione è intitolata 'Un patto tra generi e generazioni, un'altra idea di futuro': intervengono Leonardo Becchetti, Linda Laura Sabbadini, Nicolas Schmit. AGI

Read 469 times

Utenti Online

Abbiamo 1133 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine