ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 18 Gennaio 2024 20:30

37 anni senza il suo 'maestro'. Bagheria ricorda Guttuso

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Il pittore Renato Guttuso Il pittore Renato Guttuso

Il 18 gennaio 1987 moriva il grande pittore. La sua città lo ricorda anticipando altri grandi appuntamenti per il cinquantesimo della nascita del Museo Guttuso.

Trentasette anni fa moriva uno dei maestri dell'arte italiana del '900, Renato Guttuso, e Bagheria, la sua città natale oggi l'ha ricordato con le istituzioni - il vice sindaco e assessore alla Cultura Daniele Vella - deponendo una corona di fiori sulla sua tomba, l'arca funeraria realizzata a villa Cattolica, sede del museo Guttuso, dal maestro Giacomo Manzù.

"Bagheria me la porto addosso", aveva confidato a un giornalista de "Il Giorno" nell'ottobre 1959 benché si fosse trasferito nella Capitale una ventina di anni prima, per dedicarsi alla pittura ma anche alla passione politica e all'impegno nel sociale.

Tradusse quel legame speciale con la sua città natale innumerevoli volte nelle sue tele alternando struggenti paesaggi siciliani - le spiagge come il golfo di Palermo - con nature morte o con le raffigurazioni degli oggetti delle case umili della sua terra.

Alla morte Guttuso donò alla sua città, Bagheria, molte opere che sono state raccolte nel locale e omonimo museo a Villa Cattolica dove è appunto sepolto, dopo essere stato traslato dalla tomba di famiglia del cimitero comunale.

"Un ricordo doveroso", ha sottolineato il vicesindaco durante la deposizione della corona spiegando come l'amministrazione abbia tenuto a organizzare una commemorazione per "ricordare un personaggio e un artista che ha una caratura nazionale e internazionale oltre che un legame viscerale con Bagheria". Una data, ha aggiunto, che diventa ancora più importante nel quadro del calendario di iniziative per il cinquantesimo anniversario della nascita del Museo Guttuso.

La nascita del Museo risale al 1973, ed è collegata alla generosa donazione destinata da Renato Guttuso a Bagheria, composta da opere dello stesso Guttuso (ma anche di altri artisti) e documenti vari. La testimonianza concreta del profondo legame che il maestro ebbe fino ai suoi ultimi giorni con la propria città. 

Nell'ambito delle celebrazioni del cinquantesimo, con la riapertura del secondo piano del museo in veste nuova e riallestita, sono infatti previste una serie di iniziative - è stato annunciato - che renderanno ancora più attrattivo il museo di Bagheria. AGI

Read 373 times Last modified on Giovedì, 18 Gennaio 2024 21:20

Utenti Online

Abbiamo 672 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine