ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 10 Febbraio 2024 11:31

Cosa farà e chi incontrerà Milei a Roma

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Javier Milei, presidente argentino Javier Milei, presidente argentino

Il neo presidente ultraliberista dell'Argentina arriverà in Italia domenica. Tra gli incontri ufficiali anche quello con Papa Francesco.

Il neo presidente ultraliberista Javier Milei, origini italiane, sarà in visita ufficiale in Italia da domenica 11 febbraio, accompagnato dal ministro degli Esteri e da una delegazione di imprenditori. Energia, investimenti, scienza, tecnologia e medicina saranno al centro degli incontri istituzionali, oltre a un'udienza con Papa Francesco, di nazionalità argentina. Roma e Buenos Aires sono legate da strette relazioni diplomatiche basate su storici rapporti di amicizia, per gli ingenti flussi migratori di cittadini italiani nel Paese sudamericano, alimentate da un dialogo politico continuo e da una stretta collaborazione bilaterale in ambito economico, culturale e scientifico. 

 

Roma e Buenos Aires vantano inoltre una collaborazione attiva a livello multilaterale, in ambito Onu e G20, oltre a essere protagoniste di un rilancio del dialogo fra blocchi regionali nell'ambito del negoziato tra il Mercosur e l'Unione europea. Secondo dati ufficiali, gli argentini di origine italiana, totale o parziale, ammontano a circa 25 milioni, pari al 62% della popolazione totale. Sul versante delle rappresentanze diplomatiche, l'Argentina ha un'ambasciata a Roma e un consolato generale a Milano, mentre l'Italia ha un'ambasciata a Buenos Aires, consolati generali a Bahia Blanca, Cordova, La Plata e Rosario e consolati a Mar del Plata e Mendoza. 

 

Storia

Nel 1816, l'Argentina dichiaro' la propria indipendenza dalla Spagna mentre l'Italia era formata da stati italiani indipendenti separati. Nel maggio 1836, il Regno di Sardegna riconobbe e instaurò relazioni diplomatiche con l'Argentina, il primo stato italiano a farlo. Nel 1842, il generale italiano e futuro unificatore dell'Italia Giuseppe Garibaldi, combatte' per i ribelli uruguaiani durante la guerra civile uruguaiana contro la Confederazione argentina e il Partito nazionalista uruguaiano. Nel 1850, il futuro re dell'Italia unita, Vittorio Emanuele II, nominò un ambasciatore in Argentina. Nel 1855, Argentina e Italia firmarono un trattato di amicizia, commercio e navigazione. Nel 1924, l'Italia ha trasferito la sua legazione diplomatica a Buenos Aires in un'ambasciata e lo stesso anno, il principe piemontese Umberto - futuro re Umberto II - visito' l'Argentina. Durante la seconda guerra mondiale, l'Argentina rimase neutrale per gran parte della guerra e all'epoca il presidente argentino Juan Pero'n era un ammiratore del primo ministro italiano Benito Mussolini. L'Argentina dono' grano all'Italia sconfitta e nel giugno 1947, Eva Pero'n fece una visita ufficiale in Italia durante il suo Rainbow Tour of Europe. Nel 1982, durante la guerra delle Falkland tra Argentina e Regno Unito, l'Italia sostenne diplomaticamente il Regno Unito durante la guerra, tuttavia rimase neutrale nei combattimenti.

Economia

A livello economico i forti rapporti bilaterali tra i due Paesi sono innanzitutto rispecchiati dal grande numero di imprese italiane che operano in Argentina, con una storia - strettamente legata a quella dell'emigrazione italiana - spesso centenaria: è il caso degli investimenti di FIAT, Pirelli, Silvateam, Fratelli Branca. Da segnalare poi la complementarietà fra il sistema produttivo italiano e quello argentino, basato sulla produzione di materie prime, come la maggior parte delle esportazioni del Paese, ovvero agroindustria - carne, soia, mais e grano - idrocarburi e settore minerario con rame, argento, litio, e marmi e argille.

Si tratta di materie prime strategiche, mentre il sistema produttivo italiano fornisce all'Argentina i macchinari necessari a queste produzioni. Attualmente sono oltre 250 le aziende italiane presenti nel Paese, di cui 110 attive nel settore manifatturiero, che impiegano piu' di 50 mila lavoratori - stime della Camera di Commercio italo-argentina -, mentre, secondo stime ICE, il fatturato annuo delle imprese argentine con capitale italiano è pari a circa 11 miliardi di euro; 9,2 miliardi di euro il fatturato delle imprese estere partecipate da imprese italiane in Argentina e 2 miliardi di euro quello delle imprese italiane partecipate da imprese estere nel Paese.

Tra le principali figurano alcuni dei più importanti gruppi industriali italiani nei settori automobilistico (FIAT-FCA, Iveco, Pirelli), energia (Enel, Camuzzi Gas), edilizia, infrastrutture e Oil&Gas (Techint, Ghella, Webuild/Salini Impregilo, Trevi, Mapei, Saipem), settore alimentare e agricolo (Ferrero, Fratelli Branca, Campari, Arneg e Arag), assicurazioni (Generali) e spazio (Telespazio). Accanto a essi, numerose sono le PMI italiane che operano nei settori più diversi, dalla meccanica ai veicoli, dall'energia, alle infrastrutture, dalle telecomunicazioni all'industria della salute, dai trasporti all'agroalimentare, dal software alla cosmetica. Nel corso del 2021 gli investimenti italiani in Argentina hanno registrato una crescita rispetto all'anno precedente: i flussi di IDE netti italiani in Argentina sono stati pari a 183 milioni di euro, a fronte di uno stock pari a 1.786 milioni di euro. I settori in cui la partecipazione italiana è maggiore sono: l'agricoltura e l'allevamento, la distribuzione di gas, l'elettricita' e acqua, i prodotti minerari, le costruzioni e altre industrie manifatturiere. Nei primi sette mesi del 2022 l'Italia rappresenta, a livello globale, il 10 fornitore e il 21 cliente dell'Argentina (dati Osservatorio Economico MAECI su base ISTAT). Tra i paesi UE l'Italia si conferma al 2 posto come fornitore - dopo la Germania - e 3 cliente, dopo Spagna e Paesi Bassi. Nello stesso periodo l'interscambio bilaterale è stato pari a 1.368 milioni di euro (+36,5% rispetto allo stesso periodo del 2021), con esportazioni italiane verso l'Argentina per 759 milioni di euro (+36,6%) ed importazioni italiane per 610 milioni di euro (+36,5%), con un saldo commerciale positivo per 149 milioni di euro.

Cultura

Le relazioni culturali bilaterali fra Italia e Argentina si basano sull'Accordo di collaborazione culturale, firmato a Buenos Aires il 6 aprile 1998, che fornisce il quadro di riferimento dell'interazione fra i due Governi in campo culturale ed educativo. La sua attuazione è garantita dal Programma esecutivo quinquennale, l'ultimo dei quali - che ha coperto il periodo 2019-2023 - è stato firmato il 6 marzo 2019, in occasione della visita a Buenos Aires del Ministro dell'Istruzione, l'Università' e la Ricerca, prof. Marco Bussetti. Le relazioni bilaterali in ambito culturale sono ricchissime e spaziano dalla diffusione della lingua italiana alla cooperazione nel settore dell'istruzione; dalle borse di studio al settore universitario e scientifico; dalle attività culturali e artistiche alle collaborazioni in ambito radio-televisivo.

Il compito di promuovere la cultura italiana in Argentina ricade principalmente sui due Istituti italiani di cultura di Buenos Aires e Cordoba. Negli anni recenti sono state investite particolari energie nello sviluppo delle relazioni culturali tra Italia e Argentina, attraverso la presentazione di eventi di altissimo livello. Tra questi si possono citare il ciclo Italia XXI, nell'ambito del quale si sono di recente esibiti artisti di fama mondiale quali la ballerina Eleonora Abbagnato e il pianista Stefano Bollani. Altro punto di riferimento per la promozione della cultura italiana in Argentina è il Teatro Coliseo, di proprieta' dello Stato Italiano, l'offerta di spettacoli del Teatro Coliseo è cresciuta in maniera costante, anche grazie al ciclo di eventi e spettacoli "Nueva Harmoni'a", tanto da farlo divenire uno dei punti di riferimento della scena culturale di Buenos Aires.

Turismo

I flussi dall'Argentina verso l'Italia, oltre a essere riconducibili a trasferte per motivi turistici, di studio - percorsi scolastici, corsi di lingua - o di affari - spesso relativi all'interscambio tra le PMI - si caratterizzano per i viaggi che discendenti degli emigrati italiani decidono di effettuare nei luoghi di origine delle loro famiglie. In questo contesto, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed ENIT hanno avviato, a partire dal 2018, una campagna di promozione volta a favorire il "Turismo delle radici", indirizzata a quei cittadini argentini di origine italiana che intendano visitare i luoghi di origine delle proprie famiglie. Il turismo italiano verso l'Argentina è invece progressivamente diminuito, negli ultimi anni, complice anche l'alto costo dei biglietti aerei internazionali e dei servizi turistici interni che non rendono l'Argentina particolarmente competitiva. La quasi totalità dei turisti italiani ha come mete principali Buenos Aires, Mendoza, Salta e la Patagonia, spesso per visitare parenti e amici.

Visite di Stato bilaterali

Dal 2009 in poi i presidenti argentini che si sono succeduti al potere hanno spesso fatto visita in Italia: Cristina Ferna'ndez de Kirchner (2009, 2011, 2013, 2014, 2015), Mauricio Macri (2016), Alberto Fernandez (2020). Presidenti e premier italiani hanno regolarmente visitato l'Argentina, tra cui il premier Giuseppe Conte nel 2018, il presidente Sergio Mattarella nel 2017, e prima di loro Matteo Renzi nel 2016, Romano Prodi nel 2007. AGI

Read 793 times

Utenti Online

Abbiamo 813 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine