ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 15 Febbraio 2024 18:55

Gli attivisti sostengono che Rocío San Miguel fosse oggetto di "sparizione forzata", nonostante le dichiarazioni del procuratore

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Rocío San Miguel avvocato dei diritti umani di nazionalità spagnola Rocío San Miguel avvocato dei diritti umani di nazionalità spagnola

Ore prima, il Procuratore Generale della Repubblica, Tarek William Saab, aveva smentito in una conferenza stampa la situazione di "sparizione forzata" che molteplici attività e piattaforme internazionali denunciavano riguardo a San Miguel. «È impossibile, signori mitomani, dire che in questo caso sia esistita la qualità brutale della sparizione forzata» 

La ONG Venezuelan Education Program Action on Human Rights (Provea) ha denunciato questo mercoledì che Rocío San Miguel è rimasta in uno stato di “sparizione forzata”, nonostante le dichiarazioni del governo nazionale. 

 

In una pubblicazione pubblicata sul suo account X/Twiter, la ONG ha affermato che "nonostante le dichiarazioni del signor Tarek William Saab, continuiamo a denunciare il difensore dei diritti umani. HH. "Rocío San Miguel e i suoi parenti sono stati vittime di sparizioni forzate per più di 100 ore." 

 

Anche se il procuratore dell'ANC vuole nasconderlo, la sparizione forzata è diventata una pratica ricorrente nell'ampio repertorio repressivo delle autorità venezuelane, attuata con l'obiettivo di mettere a tacere le critiche e chiudere lo spazio civico", ha commentato Provea. L'attivista informatico Luis Carlos ha assicurato che Rocío San Miguel si trova ancora in tale stato di scomparsa. "Non possono negarlo", ha detto. «Senza accesso ai suoi avvocati o alla sua famiglia, senza informazioni sul centro di detenzione, in incommunicado, in una situazione di assoluta vulnerabilità. "Questo è un crimine di Stato con molti responsabili", ha pubblicato. 

 

L'attivista informatico Luis Carlos ha assicurato che Rocío San Miguel si trova ancora in tale stato di scomparsa. "Non possono negarlo", ha detto. Ore prima, il procuratore generale della Repubblica, Tarek William Saab, aveva smentito in una conferenza stampa la situazione denunciata da numerose attività e piattaforme internazionali nei confronti del direttore della ONG Citizen Control. 

 

È impossibile, signori mitomani, affermare che in questo caso esistesse la qualità brutale della sparizione forzata. È quello che è successo in Venezuela negli anni ’70, con casi emblematici come quello di Alejandro Tejero Cuenca o quello di Víctor Soto Rojas. Oltre a mentire, diventa un’offesa”, ha sottolineato. V.F.

Read 787 times

Utenti Online

Abbiamo 1071 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine