ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 25 Febbraio 2024 12:00

Forza Italia, Tajani acclamato segretario

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Antonio Tajani dal palco del congresso di Forza Italia Antonio Tajani dal palco del congresso di Forza Italia

Nessun voto contrario per il vicepremier che racconta di aver ricevuto da Marina e Pier Silvio Berlusconi il primo messaggio di auguri. "Sento una grande responsabilità, ce la metterò tutta".

Il congresso di Forza Italia ha eletto per acclamazione Antonio Tajani segretario nazionale del partito. La platea dei circa 1300 delegati ha votato all'unanimità per alzata di 'cartellino', nessuno voto contrario e nessun astenuto. Dopo la proclamazione in platea è comparso lo striscione 'Tajani un leader popolare'. 

 

"Grazie per la fiducia che mi avete concesso e per l'entusiasmo" di questi due giorni. Così Antonio Tajani rivolgendosi ai delegati azzurri, dopo essere stato acclamato segretario di FI. "Il primo messaggio di congratulazioni che mi è arrivato è quello di Marina e Pier Silvio Berlusconi", ha raccontato ai delegati il neo segretario. "Inviano a tutti quanti voi un augurio di buon lavoro anche in vista delle prossime elezioni europee", ha aggiunto. "La famiglia Berlusconi continua a seguire con affetto, nel rispetto dei ruoli, la più bella creatura, secondo noi, di Silvio Berlusconi, che è Forza Italia". 

 

"Voglio ringraziare mia moglie e i miei figli, a loro devo tutto. La famiglia è sacra, non solo quella politica...". Così Antonio Tajani, dopo essere stato acclamato segretario al congresso di FI. "Mi sento una grande responsabilità sulle spalle. Non sarò mai Maradona" come è stato Silvio Berlusconi "ma ce la metterò tutto. Cercherò di far sì che questo movimento coinvolga un gran numero di persone. Coinvolgerò gli amministratori locali", ha sottolineato, "rispetterò in maniera scrupolosa le regole del nostro movimento politico".   AGI

Read 434 times

Utenti Online

Abbiamo 933 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine