ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 04 Marzo 2024 11:57

La Francia è il primo Paese a inserire l'aborto nella Costituzione

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La frase "la legge determina le condizioni in cui si esercita la libertà garantita per la donna di ricorrere all'interruzione volontaria della gravidanza" sarà aggiunta nell'articolo 34.

La Francia diventa oggi il primo Paese a inserire espressamente l'interruzione volontaria della gravidanza in Costituzione. Deputati e senatori riuniti in seduta solenne nella reggia di Versailles dovranno approvare con una maggioranza qualificata del 60% la proposta del governo di Emmanuel Macron per la "libertà garantita" di abortire. Mercoledì scorso era arrivato il via libera del Senato che di fatto garantisce l'approvazione della riforma. All'articolo 34 della Costituzione sarà inserita la frase "La legge determina le condizioni in cui si esercita la libertà garantita per la donna di ricorrere all'interruzione volontaria della gravidanza. "In un momento in cui i diritti della donna sono minacciati in tutto il mondo", ha osservato il premier francese, Gabriel Attal, "la Francia si alza e si pone all'avanguardia del progresso". Il testo e' passato al Senato con 267 voti a favore e 50 contrari nonostante le resistenze di alcuni senatori di destra e di centro. 

 

"Non c'è suspense, ma questo è un momento cruciale", ha sintetizzato Yaël Braun-Pivet, presidente dell'Assemblea nazionale francese e prima donna a presiedere un Congresso, riferendosi a "un momento importante per le donne di tutto il mondo". Si tratterà della "prima disposizione costituzionale così esplicita e ampia sull'argomento, non solo in Europa, ma nel mondo", ha sottolineato Leah Hoctor del Center for Reproductive Rights, organizzazione americana che difende il diritto all'aborto. La riunione del Congresso conclude una lunga battaglia politica iniziata dalla sinistra, sostenuta dalle associazioni femministe e infine abbracciata dal governo dopo diverse iniziative parlamentari.  AGI

Read 443 times

Utenti Online

Abbiamo 782 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine