ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 13 Marzo 2024 14:31

Elezioni in Venezuela, Machado si oppone alla sua ineleggibilità

Written by 
Rate this item
(0 votes)
María Corina Machado, leader e candidata alla presidenza dell'opposizione venezuelana María Corina Machado, leader e candidata alla presidenza dell'opposizione venezuelana

'Non c'è condanna penale' contro la candidata dell'opposizione.

È ormai scontro aperto tra governo e opposizione in Venezuela: la squadra della candidata presidenziale María Corina Machado si è opposta alla decisione del Consiglio nazionale elettorale (Cne) di confermare la sua interdizione per 15 anni da cariche pubbliche.
   

Machado - eletta con il 92,35% dei voti come candidata presidenziale dell'opposizione alle primarie dell'ottobre 2023 - secondo la giustizia locale non può presentarsi alle elezioni del 28 luglio, in concorrenza con il presidente Nicolas Maduro che si candiderà per un ulteriore mandato.
   

"Non è altro che la dimostrazione di ciò che vediamo da molto tempo, ovvero il rifiuto da parte del regime di avviare un processo elettorale pulito nel Paese", ha detto il responsabile della campagna elettorale di Machado, Magalli Meda, al canale web Vpitv.

Da parte sua, l'avvocato Perkins Rocha, consigliere del centro elettorale di Machado, ha sostenuto che il provvedimento del Cne fa parte di una serie di atti che ostacolano l'esercizio politico dell'ex deputata ed ha ricordato che l'atto di squalifica elettorale non esiste.

"La nostra candidata è qualificata, perché non esiste alcuna condanna penale" nei suoi confronti, ha sottolineato il legale.

    

Nel frattempo, le autorità giudiziarie hanno rilasciato in via cautelare il leader sindacale Víctor Venegas, attivista del partito di Machado, Vente Venezuela: lo ha riferito la ong Coalizione per i diritti umani e la democrazia, ricordando che Venegas - presidente nello Stato di Barinas della Federazione nazionale dei lavoratori dell'istruzione professionale (Fenatev) - era stato arrestato il 17 gennaio insieme a suo fratello, José Gregorio Venegas, mentre svolgeva un'assemblea di insegnanti. La sua scarcerazione è avvenuta poche ore dopo l'arresto di un altro collaboratore di Machado, Emil Brandt Ulloa.  Ansa

Read 546 times

Utenti Online

Abbiamo 1455 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine