ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 06 Aprile 2024 14:47

Break del maltempo sull'Italia? Meteo prossima settimana, previsioni

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Dopo il grande caldo atteso durante il weekend, nel corso dei prossimi giorni si verrà a creare una pericolosa configurazione sinottica: ecco cosa significa.

Dopo il caldo anticiclone africano 'Narciso' spunta l'ipotesi di un pericoloso break temporalesco con maltempo e precipitazioni intense di pioggia accompagnate anche da grandine sull'Italia. 

 

I due fenomeni, caldo intenso e temporali, sembrano scollegati, ma in realtà sono molto più uniti di quanto si possa pensare. Secondo un recente studio che ha preso in esame i dati sull'evoluzione climatica nel sud Europa, inglobando quindi anche il bacino del Mediterraneo, è emerso che, dal 1979 a oggi è aumentata l'energia potenziale in gioco (CAPE) in grado di innescare pericolose e improvvise tempeste temporalesche.

Le cause di questo aumento vanno ricercate proprio nella sempre più invadente presenza dell'anticiclone africano che determina un aumento delle temperature medie e, di conseguenza, una maggiore evaporazione dell'acqua del mare che poi si traduce in carburante per eventi meteo estremi. Il tutto provoca un aumento delle precipitazioni convettive (temporali) con serio rischio di grandine grossa e nubifragi. Insomma, ecco servito uno degli effetti del cambiamento climatico in atto. Due lati della stessa medaglia: all'aumentare del caldo, aumenta il rischio di temporali violenti e questa volta già dalla Primavera senza dover aspettare l'Estate.

Previsioni meteo della prossima settimana

Dopo il grande caldo atteso durante il weekend, spiega iLMeteo.it, nel corso della prossima settimana si verrà a creare una pericolosa configurazione sinottica. Da una parte, abbiamo il caldo anticiclone africano Narciso che invia le prime fiammate fin sull'Italia dall'altra invece un flusso di correnti in discesa dal Nord Atlantico, più fresche e instabili pronte a irrompere fin verso il Mediterraneo. In particolare, tra martedì 9 e mercoledì 10 aprile, le regioni del Centro Nord rischiano di trovarsi in una sorta di "zona di convergenza" in cui interagiscono queste importanti figure meteorologiche.

Proprio in questa "terra di nessuno" avvengono i contrasti maggiori e più pericolosi: con tutto questo calore in eccesso aumenta anche il rischio di eventi meteo estremi come nubifragi e grandinate. Sulla esatta localizzazione dei fenomeni dovremo aspettare ancora qualche giorno, infatti la distanza temporale è ancora troppo elevata; non resta che seguire passo passo questa interessante evoluzione atmosferica che potrebbe determinare un pericoloso break temporalesco. Adnkronos

Read 504 times

Utenti Online

Abbiamo 760 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine