ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 06 Aprile 2024 15:25

L'Italia ricorda il terremoto dell'Aquila. 309 rintocchi in memoria delle vittime

Written by 
Rate this item
(0 votes)
L'Aquila L'Aquila

Alle 3:32 del 6 aprile 2009 il sisma che ha colpito la città e altri 56 comuni. 1.400 persone alla fiaccolata commemorativa. Mattarella, "La piena ricostruzione è un dovere". Meloni, "Ci siamo rialzati più forti".

Quindici anni dopo la tragedia del sisma che ha colpito L'Aquila e altri 56 Comuni del cratere sismico ieri sera, poco dopo le 21:30, è partita da via XX Settembre la fiaccolata commemorativa delle 309 vittime che, dopo una sosta davanti la Casa dello studente, si è conclusa in Piazzale Paoli dove si trova il Parco della Memoria con una partecipazione di circa 1400 persone. Il Comune dell'Aquila, con la partecipazione dell'Associazione familiari vittime del terremoto, ha organizzato l'iniziativa a cui ha preso parte il sindaco Pierluigi Biondi insieme ad altri rappresentanti dell'assise civica e delle Istituzioni nazionali, regionali e locali. 

 

Il braciere installato all'interno della fontana che si trova al centro del memoriale è stato acceso da due giovani aquilani, nati nel 2009, anno del terremoto, ed entrambi frequentanti il conservatorio "A. Casella" del capoluogo abruzzese, Elisa Nardi e Tommaso Sponta, mentre il fascio di luce in memoria delle vittime è stato acceso dal cortile della sede municipale di Palazzo Margherita a causa dei lavori di ripavimentazione in corso a Piazza Duomo. 

 

"I ricordi, in questi quindici anni, sono stati i nostri compagni silenziosi e discreti, che ci hanno guidato nelle scelte verso la rinascita della nostra città, sono stati la nostra bussola interiore. - ha sottolineato il primo cittadino - Chi è libero da quel passato sono i nati dopo il tragico evento e noi abbiamo il dovere morale di pensare a loro, aiutandoli a fare della memoria la sostanza della propria identità, ponendo in essere l’attività pura del rammemorare. Come simbolicamente hanno fatto, questa sera al Parco della Memoria, due giovanissimi studenti del nostro Conservatorio, Elisa e Tommaso. La memoria è un altrove che avvolge il nostro presente e noi aquilani siamo la nostra memoria". 

 

"Ero appena nata quando c' è stato il terremoto e ho vissuto questa tremenda esperienza attraverso il racconto dei miei genitori. Sono orgogliosa di poter partecipare a questa celebrazione e di ricordare con tutti voi le vittime di questo tremendo terremoto" ha dichiarato Elisa Nardi. "Mi sento privilegiato a poter essere presente qui questa sera, in rappresentanza dei ragazzi della mia età. Anche se non posso avere ricordi di quella notte, i racconti dei miei familiari mi hanno permesso di immaginare la paura e il dolore di quegli istanti. Durante questi anni ho ascoltato anche le storie di amici e ragazzi più grandi. Dalle loro parole ho percepito la fatica e la determinazione che hanno avuto nel voler tornare e rimanere a L'Aquila. Questo desiderio di rinascita ha permesso alla città dell'Aquila di riacquistare la sua bellezza. Penso, inoltre, che, nonostante il terremoto abbia lasciato segni indelebili nella nostra città, questo evento ha in qualche modo contribuito a rafforzare i legami nella nostra comunità" ha dichiarato Tommaso Sponta. 

 

Dopo l'accensione del braciere, al Parco della Memoria, è stata lettura dei nomi delle vittime del sisma e nella chiesa di Santa Maria del Suffragio, in Piazza Duomo, si è svolta la Santa Messa presieduta dall'arcivescovo metropolita dell'Aquila e presidente della Ceam (Conferenza episcopale abruzzese-molisana), cardinale Giuseppe Petrocchi con lettura dei nomi durante la preghiera eucaristica. Prima della benedizione, il primo cittadino ha dato lettura di alcune sue riflessioni personali contenute in un messaggio rivolto alla cittadinanza. Alle 3:32, ora del terremoto del 6 aprile 2009, la campana della chiesa delle ha suonato 309 rintocchi in onore di quanti hanno perso la vita quindi anni fa.

 

Mattarella, memoria tragedia per piena ricostruzione

"Il terremoto di quindici anni or sono, nella notte tra il 5 il 6 aprile, sconvolse L'Aquila e il territorio circostante, strappando alla vita più di 300 persone. La distruzione si abbattè sul centro storico, sulla periferia, sui borghi vicini, lasciando tutta la Comunità nazionale attonita e sconvolta. Il Paese seppe reagire, mobilitando tutte le proprie energie, mentre gli abitanti dell'area colpita dal sisma trovarono la forza per iniziare a ricostruire le case, i luoghi di lavoro, le scuole, per recuperare, per quanto possibile, le bellezze artistiche". A dirlo è il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Meloni, feriti ci siamo rialzati e tornati più forti

"La rinascita dell'Aquila è la rinascita di un pezzo di noi stessi. Quindici anni fa siamo stati feriti ma abbiamo saputo rialzarci e tornare più forti". Lo afferma Giorgia Meloni in un passaggio della dichiarazione in cui ricorda che "oggi l'Italia rende omaggio alle vittime del terremoto e si stringe alla comunità aquilana e abruzzese, a chi quella notte ha perduto gli affetti più cari e a tutti coloro che, con tenacia e determinazione, hanno contribuito alla rinascita della citta'".

"L'Aquila e' un modello, per la risposta che lo Stato ha dato fin dalla gestione dell'emergenza, passando per la ricostruzione fino alla rigenerazione degli ultimi anni, di cui si stanno vedendo i primi effetti", aggiunge. "Rivolgo un pensiero ai tanti che, a vario titolo e nelle diverse fasi, hanno fornito il loro contributo: gli italiani che mostrarono grande solidarietà e vicinanza; i volontari che si mobilitarono nei giorni e nei mesi successivi; le donne e gli uomini, delle istituzioni e non, che con abnegazione e impegno hanno contribuito a portare avanti una ricostruzione che e' diventata un esempio", dice ancora il presidente del Consiglio.  AGI

Read 476 times

Utenti Online

Abbiamo 1023 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine