ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 06 Giugno 2024 22:16

La Bce lima i tassi dello 0,25%. Primo taglio dal 2019

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Christine Lagarde, presidente Bce Christine Lagarde, presidente Bce

Per il tasso di riferimento si tratta invece del primo taglio in 8 anni, il precedente risale infatti al marzo 2016, quando l'Eurotower abbassò i tassi allo 0%. È dal luglio 2022, quando si è verificata l'impennata dei prezzi, che la banca centrale ha deciso di alzare il costo del denaro.

Il Consiglio direttivo della Bce ha deciso di tagliare i tre tassi di interesse di riferimento dello 0,25%. "I tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale", si legge nella nota diffusa al termine della riunione, si porteranno "rispettivamente al 4,25%, al 4,50% e al 3,75%". Si tratta, per il tasso di riferimento, del primo taglio in 8 anni: il precedente risale infatti al marzo 2016, quando l'Eurotower abbasso' i tassi allo 0%. 

Per il tasso sui depositi invece è la prima riduzione del costo del denaro dal 2019. È dal luglio 2022, quando si è verificata l'impennata dei prezzi, che la Bce ha deciso di alzare il costo del denaro. 

Gli esperti della Bce stimano che la crescita economica aumenti allo 0,9% nel 2024, all'1,4% nel 2025 e all'1,6% nel 2026.

La prospettive dell'inflazione

Gli esperti della Bce indicano che l'inflazione complessiva si collocherebbe in media al 2,5% nel 2024, al 2,2% nel 2025 e all'1,9% nel 2026. L'inflazione al netto della componente energetica e alimentare si porterebbe in media al 2,8% nel 2024, al 2,2% nel 2025 e al 2,0% nel 2026.

Lagarde: "Decideremo riunione per riunione"

"Manterremo un approccio dipendente dai dati, decideremo riunione per riunione. Non siamo vincolati a un percorso prestabilito su tassi": lo ha detto la presidente della Bce, Christine Largade, nel corso della conferenza stampa dopo la decisione sui tassi. "Sulla base di una valutazione aggiornata delle prospettive di inflazione, della dinamica dell'inflazione di fondo e dell’intensità della trasmissione della politica monetaria, è ora opportuno moderare il grado di restrizione della politica monetaria dopo nove mesi di tassi di interesse invariati", ha spiegato.

Gli effetti sui mutui

"Dopo 10 rialzi consecutivi", la Bce ha lasciato i tassi fermi, "ma nella riunione del 6 giugno è stata avviata l'auspicata riduzione il costo del denaro è sceso al 4,25%". Lo afferma la Fabi in un'analisi ad hoc sulla scia del del taglio dei tassi deciso dalla Bce. La Federazione autonoma dei bancari ricorda che già da alcuni mesi le banche, "in previsione di un ritorno a una politica monetaria meno restrittiva da parte dell'Eurotower, hanno anticipato la prevista riduzione dei tassi e la discesa potrebbe proseguire nei prossimi mesi". E sottolinea che ne derivano "vantaggi piu' significativi per le famiglie, sia per comprare casa sia per comprare automobili o elettrodomestici". 

Infatti i "tassi sui mutui sono già diminuiti a una media del 3,69%, rispetto a livelli medi superiori al 5% del 2023" e secondo il sindacato "potrebbero calare ancora al 3,45%: una riduzione che comporterà, nel caso di un prestito immobiliare di 25 anni da 200.000 euro, un risparmio complessivo di quasi 62.000 euro (-17%)", si legge nel report. E ancora: "I tassi sul credito al consumo sono scesi a una media dell'8,93%, dopo picchi superiori al 14%, e potrebbero calare ancora all'8,5%: vuol dire che un'auto da 25.000 euro comprata interamente a rate, con un finanziamento di 10 anni, costerà quasi 11.000 euro in meno (-22,2%) rispetto al 2023; mentre per una lavatrice da 750 euro, con un credito di 5 anni, il risparmio, nei prossimi mesi, sarà di 155 euro (-14%)".  AGI

Read 712 times

Utenti Online

Abbiamo 882 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine