ANNO XIV Dicembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 16 Agosto 2016 21:27

Catania, bimbo di 18 mesi muore sbranato dai cani di famiglia

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Catania - Un bimbo di un anno e mezzo è morto sbranato da due cani a Mascalucia, in provincia di Catania. Inutile il tentativo della madre di frapporsi fra gli animali e il piccolo.

Il bimbo è stato trasportato con l'elisoccorso in ospedale ma per lui non c'è stato nulla da fare. La Procura etnea intende chiarire le esatte circostanze della tragedia e per questo, come atto dovuto, ha iscritto la donna di 31 anni nel registro degli indagati per il reato di omicidio colposo. La madre, anche lei rimasta ferita gravemente dai cani e ricoverata in ospedale, pare si fosse allontanata per qualche istante lasciando il figlio da solo in una piscina gonfiabile per poi accorrere e sottrarlo all'attacco dei cani, senza riuscirvi.

La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta affidata al sostituto procuratore Fabrizio Aliotta. 
I due Dogo, di tre e otto anni, sono stati posto sotto sequestro e affidati al servizio veterinario dell'Azienda sanitaria provinciale. Il pm ha sequestrato anche la villa per il tempo necessario a effettuare i rilievi utili alle indagini.
Sul corpo del bimbo, Giorgio, sarà eseguita l'autopsia. Il magistrato attende di poter interrogare la madre, Maria Crisafulli, di 31 anni. Il padre del piccolo non era in casa al momento dell'attacco fatale. E' lui il padrone dei due cani.

"Giorno tragico oggi per Mascalucia - scrive su Facebook il vicesindaco del paese, Fabio Cantarella - vi invito a pregare per il piccolo di poco più di un anno che non ce l'ha fatta e per la madre ferita nel tentativo di strapparlo ai loro cani inferociti".

"Pare si tratti di una coppia di doghi argentini - si legge nel post - microchippati peraltro. La tragedia è avvenuta all'interno della loro villetta, lungo la via Del Bosco. Lasciate che vi confidi solo una cosa: con tutta la fede che posso immaginare non riesco ad accettare che un bambino indifeso muoia così. O forse è la mia fede che non è abbastanza forte per comprendere".

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1081 times

Utenti Online

Abbiamo 1288 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine