ANNO XIV Novembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 21 Settembre 2016 05:55

21 settembre, Giornata mondiale dell'Alzheimer

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'assessore Venturi della Regione Emilia Romagna: "Assicurare la migliore qualità della vita possibile, ai malati e ai familiari"

Lievi problemi di memoria, all’inizio, per arrivare a non riconoscere più nemmeno i familiari e ad aver bisogno di aiuto anche per compiere le attività quotidiane più semplici. Superano quota11milaogni anno, in Emilia-Romagna, le nuove diagnosi didemenza senile, con una stima complessiva di74milapersone malate. LaGiornata mondiale dell’Alzheimer(la forma più frequente di demenza), in programma domani,mercoledì 21 settembre, è un’occasione per porre all’attenzione di tutti un tema di grande sofferenza e delicatezza, fare il punto sulla rete dei servizi e sugli obiettivi delnuovo Progetto regionale demenze. In Emilia-Romagna, per tutta la settimana, ci saranno incontri e iniziative informative, organizzate dalle Aziende sanitarie con gli enti locali e le associazioni dei familiari.

I servizi per le demenze senili in Emilia-Romagna (dati 2015)
Sono state complessivamente11.416le persone a cui, nel 2015, è stata diagnosticata una forma di demenza senile(11.513 nel 2014); per altre 5.133 persone sono emerse condizioni di rischio, non necessariamente destinate a evolvere in demenza. In costante aumento le prime visite specialistiche: 23.090 lo scorso anno (+ 8% rispetto al 2014); 14.500 le consulenze specialistiche rivolte ai familiari delle persone colpite (tra psicologiche, assistenziali, legali e ambientali). Le terapie farmacologiche hanno riguardato 12.140 persone (2.281 in più rispetto al 2014).

Da Piacenza a Rimini sono61iCentri per i disturbi cognitivi e demenze delle Aziende sanitarie(nuova denominazione stabilita con delibera di luglio 2016), presenti in tutti e 38 i distretti sanitari. Sempre lo scorso anno, sono state organizzate 16 iniziative formative che hannocoinvolto 738 medici di famiglia. Complessivamente, sono state 67 le attività formative in tutta la regione, cui hanno partecipato 1938 operatori.

Cinquantacinquei “Caffè Alzheimer” (frequentati da circa 2.200 persone all’anno) che offrono stimoli cognitivi e occasioni di socializzazione; 356 le iniziative formative e informative che hanno coinvolto 5.800 familiari. Cinquantadue i gruppi di sostegno e di auto-aiuto attivi in Emilia-Romagna.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1129 times

Utenti Online

Abbiamo 995 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine