ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 13 Ottobre 2016 00:00

La LERU in favore della Citizen science

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La Citizen science, ossia il coinvolgimento attivo degli "scienziati non professionisti" nella ricerca, sta vivendo un momento di grande popolarità e per questo la LERU (League of European Research Universities) pubblica un documento che oltre ad analizzarne i trend, fornisce linee guida agli scienziati e raccomandazioni a Università, policymaker e finanziatori.

Il contributo degli scienziati non professionisti allo sviluppo delle conoscenze si è molto evoluto negli ultimi decenni, portando a iniziative direttamente gestite da comunità di cittadini, che non prevedono alcun coinvolgimento di ricercatori universitari o di progetti accademici condotti da ricercatori professionisti.

Ed è proprio su questi ultimi che si concentra il documento della LERU, riconoscendo alla Citizen science il merito di contribuire ad ampliare gli scopi della ricerca e aumentare qualità e quantità dei risultati prodotti, ma sottolineando al contempo che è necessario che i progetti gestiti dalle comunità di cittadini aderiscano a quelli che sono considerati principi, metodi e procedure fondamentali della ricerca in modo da garantirne l'accuratezza e la validità.

Il coinvolgimento dei cittadini nella ricerca va dallo svolgimento di semplici task, come la raccolta di dati o la risposta a semplici quesiti, fino a raggiungere complessità che presuppongono competenze e conoscenze molto specifiche e che possono portare alla definizioni di problemi e metodologie di ricerca.

Agli scienziati di professione, la LERU raccomanda di pianificare investimenti che sostengano e incoraggino il coinvolgimentodei cittadini e consentano di gestirlo, in modo da garantirne la partecipazione di un numero sempre più adeguato e adeguatamente diverso. Tutti i cittadini che partecipano a progetti di Citizen science dovrebbero poi essere messi in condizione di contribuire, con la specificità dei loro talenti, anche a livello decisionale e con un riconoscimento adeguato del loro impegno.

A finanziatori, policymaker e Atenei, la LERU propone 13 raccomandazioni che vanno da un'accresciuta consapevolezza e capacità di supporto della Citizen science, da un punto di vista fortemente etico, allo sviluppo di metodi di stima ericonoscimento della scienza fatta dai cittadini sia a livello di finanziamento della ricerca che nei processi di valutazione.

Tra gli esempi di Citizen science riportati nel documento ci sono i progetti: "Open bees" realizzato all'Università di Barcellona, che usa le api come indicatori di qualità dell'ambiente, "EcxCiteS" (Extreme Citizen Science), inziativa dal basso condotta presso lo University College di Londra, dove i cittadini possono progettare e realizzare nuovi strumenti, il progetto di digitalizzazione "Ja, ik wil"(Yes, I do), che coinvolge la Utrecht University e l'Archivio della città di Amsterdam per uno studio sulle moderne pratiche matrimoniali, e "DynaAge", condotto all'Università di Zurigo che esamina le dinamiche dell'invecchiamento sano.

Scarica l' Advice Paper della LERU

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 924 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 996 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa