ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Cerimonia di auguri con i dipendenti della presidenza del Consiglio: "Fiera del vostro lavoro - ha detto la premier -  vi ringrazio di cuore per ogni singolo minuto che avete passato a lavorare, non per me ma per l'Italia, perchè siamo tutti funzionari dell'Italia". 

Il ministro dell'Economia, Giorgetti: "Più realistico delle regole attuali. Ottenuto molto". La presidenza spagnola: "Equilibrato". Lindner: "Nuove regole efficaci". Le Maire: "Accordo storico, tutela gli investimenti". In vigore dalla primavera del 2024, taglio del deficit tra lo 0,25% e lo 0,4% del Pil. 

Il tema delle Europee e della possibile candidatura di Giorgia Meloni sono sul tavolo da settimane, ma prima ci sono da blindare gli equilibri interni alla maggioranza. 

La premier chiude la kermesse di Fratelli d'Italia con un intervento a tutto campo che tiene insieme i rapporti nella maggioranza,  i principali dossier sul tavolo e molte incursioni 'pop'. 

Il premier britannico ospite della kermesse di Fratelli d'Italia: "Con Giorgia abbiamo un'amicizia molto solida, forte. Condividiamo interessi e valori".  

La premier dopo il vertice Ue: penso che un accordo si possa e si debba trovare, il tema formalmente è rimandato al prossimo Ecofin del 20 dicembre. 

Colpo di scena a Bruxelles. Via libera alle trattative per l'adesione di Kiev e della Moldova grazie all'astensione concordata dell'Ungheria. Orban parla di "decisione insensata e irrazionale". Ancora da chiudere la partita del bilancio pluriennale. 

Sul tavolo due punti creano impasse: l'avvio dei negoziati di adesione dell'Ucraina all'Ue e la revisione dei conti con lo stanziamento di nuovi fondi. 

Mercoledì, 13 Dicembre 2023 07:29

Il governo vuole un iter rapido per la manovra

Written by

La 'road map' prevede il via libera del Senato nella settimana prima di Natale. Il Mef esclude una proroga del superbonus. Rimodulato il finanziamento del Ponte sullo Stretto. 

Le comunicazioni della premier alla Camera in vista del Consiglio Europeo: "La partita sul nuovo Patto di Stabilità è difficilissima e ancora aperta. L'Italia è una nazione virtuosa con le carte in regola ma il superbonus pesa come un macigno." 

Utenti Online

Abbiamo 592 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine