ANNO XIII Dicembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Riceviamo e pubblichiamo nota pervenuta da Gregorio Mariggiò Elvira Sebastio Co-Portavoce dei Verdi per la Provincia di Taranto sull'ennesimo incidente mortale in cui ha perso la vita un giovane lavoratore a Taranto 

Published in Taranto

Fumone che fu teatro, in passato, di altri numerosi  e macabri avvenimenti. Il castello di Fumone, infatti, è stato adibito,  anni fa, a prigione dello Stato della Chiesa: qui vennero perpetrate, ai danni degli infedeli, torture disumane ed inimmaginabili.

Published in Cultura

La vicenda sulla quale interviene il Comune è stata riportata dalla stampa cronaca della città. "E' morto durante il ricovero forzato all'ospedale Maria Vittoria, per cause ancora da chiarire, dopo che era stato ammanettato dai vigili e sottoposto a un "Tso", il trattamento sanitario obbligatorio, poichè stava dando in escandescenze in piazzale Umbria. La vittima è un uomo di 45 anni, Andrea Soldi, molto corpulento - pesava circa 150 chili - e già seguito dai servizi psichiatrici e già ricoverato altre volte in maniera coattiva: è stata aperta un'inchiesta per chiarire le cause del decesso e le circostanze di tutta la vicenda" (Repubblica).

Il comune stamani emette comunicato:

"In relazione alla morte dell’uomo sottoposto ieri a TSO si precisa che gli agenti hanno inviato tempestivamente al magistrato una relazione di servizio che descrive in modo dettagliato gli avvenimenti, dalla quale non sembrano emergere fatti di particolare rilevanza nel comportamento degli operatori.

L’Amministrazione Comunale segue con attenzione l’esito degli approfondimenti disposti dalla magistratura, ai quali collabora, ed attende l’eventuale accertamento di responsabilità"

La Città esprime tutta la sua vicinanza ai familiari di Andrea Soldi, colpiti dal tragico lutto, e partecipa al loro dolore per l’accaduto. (e.v.)

.

Published in Torino

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1487 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa