ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

"Sì, vorrei rubarla, vorrei rubare quello che mi apparteneva". Cantava così Ivan Graziani nel 1978, nel celebre attacco di 'Monna Lisa', ignorando che quasi quarant'anni dopo, a tentare l'impresa, sarebbe stato Vittorio Sgarbi. Certo, il critico d'arte non ha affatto intenzione, come suggeriva il cantante abruzzese di "nasconderla in una cassa di patate", però, come spiega in un video postato sul suo profilo Facebook, è assolutamente determinato a riportare in patria "uno dei più notevoli capolavori italiani". Come? Dando vita a quella che ha già ribattezzato #missionemonnalisa.

"Come sapete - dice Sgarbi - uno dei più notevoli capolavori italiani, la Monna Lisa, è in Francia. E' arrivato il momento di farla rientrare in Italia". "Ho parlato con i francesi - continua il critico - e ho preso accordi perché ritorni da noi ciò che è nostro. Perché le cose bisogna saperle chiedere e io so farlo". Poi, guardando fuori dalla telecamera si diletta in una delle sue solite provocazioni: "State zitti, cog....i - conclude - sto parlando"lo afferma in una nota l’agenzia di stampa Adnkronos.

Poi Sgarbi con l'Adnkronos entra nel merito della proposta fatta ai cugini d'Oltralpe e da loro accolta: "Con i francesi ho concordato uno scambio: loro ci danno la Monna Lisa e noi gli diamo un altro capolavoro italiano". "La cosa può andare in porto in meno di un anno, ma al momento - spiega - preferisco tacere su quale sia l'opera di un altro grande maestro italiano che intendiamo proporre".

Per vedere il video clicca qui o sulla foto

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in Arte

Roma - Il ministero dei Beni e delle attivita' culturali e del turismo celebra la 24esime Conferenza generale dell'Icom (International Council of Museums), ospitata per la prima volta a Milano dal 3 al 9 luglio, organizzando la prima edizione della "Festa dei Musei" che si terra' il fine settimana antecedente, sabato e domenica 2 e 3 luglio. A questo grande evento nazionale parteciperanno i principali musei statali e tutte le realta' museali pubbliche e private. Al centro di questa inedita due giorni ci sara' il tema del rapporto tra musei e paesaggi culturali, argomento individuato dall'Icom per il congresso di Milano. Sabato 2 luglio sara' prevista nei musei una giornata dedicata agli eventi e un'apertura straordinaria serale al costo simbolico di 1 euro, mentre domenica 3 luglio l'ingresso sara' gratuito come ormai e' consuetudine ogni prima domenica del mese. "Il prossimo 2 e 3 luglio - afferma il ministro Dario Franceschini - sara' un week end di festa per i musei e per la cultura, una maratona lunga due giorni durante i quali le famiglie potranno continuare a scoprire l'immenso patrimonio culturale italiano. Con la Festa dei Musei si raddoppia l'occasione di visita dei luoghi statali della cultura, grazie anche all'opportunita' di potere assistere alle innumerevoli iniziative e eventi".

Durante la "Festa dei Musei" verranno programmati eventi in diverse fasce orarie destinati a precisi segmenti di pubblico: attivita' didattiche, visite guidate, proiezioni video, concerti, spettacoli teatrali e di danza, rievocazioni storiche e laboratori. Il sabato mattina sara' dedicato alle famiglie e ai bambini con "Il Patrimonio per i bambini" dalle 9 alle 14, il sabato pomeriggio per curiosi e appassionati con "Il Racconto del Patrimonio, Largo all'esperto, Dietro il Patrimonio" dalle 14 alle 19 e, infine, il grande pubblico la sera con eventi aperti al concorso di tutte le arti con Lo spettacolo della cultura dalle 19 fino alla chiusura. La giornata di domenica sara' invece integralmente dedicata a tutte le possibili categorie di pubblico con "Il Patrimonio per/di tutti", con eventi incentrati sulla partecipazione ai beni culturali e paesaggistici e ampio spazio riservato a tutte quelle associazioni di cittadini e volontari che concorrono quotidianamente alla "vita" e alle "attivita'" di musei e luoghi della cultura.

Quest'ultimo tema, in particolare, intende dare maggiore risalto ai valori promossi dalla Comunita' Europea con la Convenzione di Faro del 2005, un testo che introduce concetti come quelli di "eredita' culturale" e "comunita' di eredita'" capaci di porre l'attenzione sul patrimonio immateriale del nostro Paese e sul concorso dei cittadini alla sua valorizzazione, come espressione piu' alta dei principi di eguaglianza. La Festa dei Musei nasce quest'anno, per iniziativa del MiBACT, in coincidenza con la 24esima Conferenza generale dell'Icom - International Council of Museum - la piu' importante organizzazione internazionale dei musei e dei professionisti museali impegnata a preservare, ad assicurare la continuita' e a comunicare il valore del patrimonio culturale e naturale mondiale. Per l'occasione migliaia di operatori museali si incontreranno per discutere di musei e paesaggi culturali a Milano dal 3 al 9 luglio. La scelta di organizzare la conferenza in Italia ha aiutato ad accrescere il ruolo della museologia italiana nella comunita' professionale internazionale. Tutte le informazioni sugli eventi e sugli orari sono consultabili sul sito Beniculturali.it. (AGI)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Cultura

 

Sabato 5 settembre, con inizio alle ore 11.00, nella Galleria Nazionale presso il Palazzo della Pilotta di Parma, è in programma l’inaugurazione della mostra “Pane nostro. Nutrimento e simbolo di umanità”, dedicata alla collezione di oltre 3.000 esemplari di pane raccolti nell’arco di un’intera vita da Marisa Zanzucchi Castelli, allestita sino al 29 novembre.

Published in Parma

Fino al 22 novembre Mantova a Palazzo della Ragione ospita il Museo della Follia. E' una iniziativa di Regione Lombardia a cura dell'Ambasciatore Vittorio Sgarbi per "Expo Belle Arti 2015"

Published in Mantova

E’ stata inaugurata oggi la nuova area museale dedicata alle Frecce Tricolori, ospitata nella base di Rivolto che documenta, attraverso una galleria fotografica, la storia della Pattuglia acrobatica nazionale (Pan) che celebrerà il cinquantacinquesimo anniversario i prossimi 5 e 6 settembre.

Published in Udine

Riceviamo e pubblichiamo

Si apprende dai media che la nuova direttrice del Museo MARTA di Taranto, dott.ssa Eva Degl’Innocenti, ha proposto un'idea di turismo industriale che colleghi l'Ilva alla città.

Published in Taranto

Sopralluogo della Commissione consiliare Cultura, guidata dal vicepresidente Angelo D’Amico, oggi alla nuova sede del Mu.Fant, il Museo del Fantastico e della Fantascienza di Torino.

Published in Torino

Riceviamo e pubblichiamo

"Taranto puo' e deve puntare sul turismo culturale. Su questo punto sono perfettamente d'accordo con la nuova direttrice del MarTa. Cio' che non condivido è l'idea, espressa dalla Degl'Innocenti, di una cooperazione positiva con l'Ilva: l'acciaieria è solo un ostacolo allo sviluppo della città, in primis del turismo, oltre a rappresentare  un cancro incurabile per l'ambiente e la salute dei cittadini".

Lo dice l'eurodeputata dei Cinque Stelle, Rosa D'Amato, commentando le parole della neodirettrice del Museo archeologico di Taranto, Eva Degl'Innocenti. "Spero - aggiunge - che la neodirettrice, a cui vanno i miei più sinceri auguri per l'impegno che l'attende, si apra all'ascolto e ai consigli di tutti quei cittadini che a Taranto chiedono da tempo un forte investimento pubblico nel turismo e nella cultura e più in generale la valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze produttive. Il consiglio che le do è di ascoltare meno il governo, soprattutto le favole di Renzi sull'Ilva, e più i tarantini di buona volontà.

Sulla possibilità di potenziare il turismo industriale in città - conclude - più che coinvolgere l'Ilva , sarebbe molto meglio chiudere lo stabilimento e trasformarlo in un museo sul modello di quanto fatto in Germania con le acciaierie della Ruhr". 

Published in Taranto

Roma, (Italia).- Los museos e instituciones culturales de Italia declararán luto en honor del director del sitio arqueológico de Palmira, Siria, Jaled Assad, asesinado por el autodenominado Estado Islámico (EI), anunció hoy el ministro de Bienes Culturales, Dario Franceschini.

Published in Política esp

L'adesione all'iniziativa voluta fermamente dall'assessore all'Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Gianni Liviano, e sostenuta dal Presidente della Regione, Michele Emiliano, è arrivata nella mattinata di oggi (ieri per chi legge, ndc) ed è stata formalizzata dal presidente della sezione Orafi, Marcello Perri.

Lo sforzo economico (fino a 800 euro) servirà per il rimborso spese del funzionario del MarTa che visionerà gli Ori per tutta la durata della mostra.

"La sponsorizzazione della sezione Orafi di Confcommercio, alla quale va il nostro più sentito grazie, commenta l'assessore Liviano certifica, qualora ce ne fosse ancora bisogno, la bontà della nostra scelta di esporre cinque pezzi della pregiata collezione degli Ori di Taranto all'Expo di Milano. Lo slancio con il quale tre imprenditori tarantini, prima, realtà come il teatro Crest e l'orchestra Ico Magna Grecia, dopo, e Confcommercio, ora, hanno deciso di affiancarci, dimostra come ci sia la volontà di far conoscere la città di Taranto oltre i confini regionali e di farlo attraverso un messaggio che trasmetta positività, sensazioni di bellezza, energie da profondere in un progetto più ampio di rivalutazione e rilancio della città dei due mari".

"Puglia: tutta la luce del mondo… negli Ori di Taranto", questo il tema della mostra allestita nello stand della Regione Puglia all'interno del padiglione Italia e che si avvale della collaborazione della Soprintendenza archeologica della Puglia, del Segretariato regionale del Mibact per la Puglia, del Museo archeologico nazionale di Taranto. La mostra potrà essere visitata dal 21 al 27 agosto. Sarà possibile ammirare cinque pezzi quattro dei quali fanno parte di un corredo funerario di una fanciulla rinvenuto nel 1912 in una tomba nei pressi dell'Arsenale militare mentre il quinto è una corona funeraria a foglie di quercia.

Oltre agli Ori, all'interno dello stand i visitatori troveranno brevi pannelli introduttivi relativi al Museo archeologico di Taranto; brochure e pieghevoli che saranno lasciati in distribuzione; audio/video di presentazione collegati al progetto di Puglia promozione, "Miti al MarTa"; sistemi di prossimità che permettono di visualizzare su sistemi mobili i contenuti informativi della mostra.

Published in Taranto

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1211 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa