ANNO XIII Novembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 28 Febbraio 2017 10:41

Il politico di mestiere è oramai alla frutta, attacchi a 360 gradi

Written by 
Rate this item
(0 votes)

A chi diceva la politica “non mi interessa” l’imbonitore di turno soleva dire col fare saccente di chi la sa lunga, “la politica però si interessa di te”

L’uno e l’altro pensavano ad una cosa, a farsi i fatti propri, solo che il cittadino ha l’immagine del politico arraffone che usa il ruolo per compiacere se e i suoi familiari. Per cui uno si meraviglia che l’amico, ora assessore non risponda al telefono. Un sociologo, in quel di Torino, un secolo fa, mi diceva che la politica ha cambiato i partiti non servono il popolo ma solo a chi ha il potere. E questo discorso, in un caffè durante una pausa di una conferenza dell’EDA (educazione degli adulti), avveniva prima di tangentopoli, in piena prima Repubblica. Questo per dire che il male è cronicizzato da tempo nel tessuto socio-politico.

Solo che le bordate dei pentastellati, e per ultimo l’esternazione di Emiliano che sta tentando la segreteria del Pd, che sulla Gazzetta del Mezzogiorno esce fuori con “Basta stipendi ai politici” e fa l’esempio di Cuba che non piacerà a molti, ci spinge a scrivere qualche nota redazionale

In primis, come dicono i giuristi, va salvato un principio sacrosanto, negando il quale si nega le democrazia: “la politica non è e non deve essere appannaggio dei ricchi”. Un miliardario che occupa il potere  potrà col falso sorriso dire "basta stipendi", tanto i soldi per lui ci sono e ci saranno sempre.Anzi..aumenteranno. E neanche che s' indennizza quello che si perde, perché Emiliano ha lo stipendio da magistrato come riferimento, l’operatore ecologico o il disoccupato altro e se entrambi fossero parlamentari, l’uno ha meno incombenze, l’altro ha più difficoltà, e non c’è eguale spinta e sostegno all'agire politico.

Altro discorso è, e su questo la posizione pentastellata è più chiara, battersi per l’omologazione dei trattamenti pensionistici dei parlamentari per importi e decorrenze a quelle dei cittadini, uscendo fuori dalla vergogna che 5 anni siano sufficienti per avere una pensione autonoma, mentre chi ha 19 anni di contributi non ha nulla perché non raggiunge il minimo.

Per non parlare del trucco dei rimborsi che fanno entrare dalla finestra le decurtazioni delle indennità formalmente uscite dalla porta. Una cosa deve infine essere chiara, la rigenerazione della politica deve tendere a riportare il fare dentro l’etica, l’impegno politico come spinta altruista, per la soluzione dei problemi ambientali, sociali, economici, per lottare contro le disuguaglianze, ecco per servire e non servirsi. Non un “mestiere” da tramandare da padre a figlio. Tutto qui.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 818 times Last modified on Martedì, 28 Febbraio 2017 11:05

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1103 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa