ANNO XV Gennaio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 20 Luglio 2017 00:00

Poliziotti feriti negli scontri a Padova e minacciati a Foggia, Tonelli (Sap) «Servono altre norme sull’ordine pubblico»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L’altra sera a Padova, durante la protesta del centro sociale “Pedro”, 5 poliziotti sono rimasti feriti, tra cui uno con una prognosi di 25 giorni a causa di una bomba carta esplosagli dietro la schiena.

«Servono norme diverse sull’ordine pubblico» dice Gianni Tonelli, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia. Il sindacato infatti, già nel maggio 2014, promuoveva un  progetto di legge, nel quale si chiedeva telecamere su divise, auto di servizio, uffici e celle di sicurezza; arresto obbligatorio e differito per il reato di danneggiamento e per quello di travisamento durante le manifestazioni; Daspo esteso a tutte le questioni di ordine pubblico; protocolli operativi per dare linee guida cogenti alle Forze dell’Ordine; Pubblici Ministeri in piazza durante servizi di ordine pubblico per avvalorare le richieste di arresto avanzate al Gip, per raccogliere nell’immediato, elementi di prova utili per la celebrazione della direttissima.

Tutto ciò che il Sap ha proposto, mettendosi in discussione e facendo un passo indietro, continua ad essere ignorato dal “Palazzo” che non ha la capacità di affrontare i problemi.

«Non è possibile che i poliziotti siano diventati l’ammortizzatore sociale di questa società – dice ancora Gianni Tonelli - Noi non possiamo essere ostaggi. Questo centro sociale è lo stesso al quale appartiene Zeno Rocca, condannato qualche giorno fa a 2 anni e un mese per calunnia, per avere accusato tre poliziotti di un pestaggio poi rivelatosi falso». Ma nonostante ciò, il tutto ricade sempre e solo sulla Polizia, ancora oggi non regolamentata da norme adeguate in tema di ordine pubblico.

C’è ancora chi, nella politica,  a questa gente stringe l’occhiolino e non si vuole assumere la responsabilità di concepire delle norme che tutelino la gente, il benessere del paese e i beni fondamentali come l’ordine e la sicurezza pubblica.

«Si lascia a noi l’ingrato compito di rischiare di essere condannati per reato di tortura. Sarebbe successo con Zeno Rocca, se non ci fosse stata casualmente una telecamera e ci fossero stati invece, gli alfanumerici. Come può questa classe dirigente gestire un Paese, se ancora non è riuscita a concepire norme chiare in materia di sicurezza pubblica? Si può andare premeditatamente in piazza con delle bombe carta, che sono in grado di attentare alla vita delle persone e in questo caso hanno ferito dei poliziotti? Cosa ci dobbiamo aspettare adesso? Un processo penale che andrà in prescrizione come centinaia di migliaia di altri relativi all’ordine pubblico?»

 

Foggia, poliziotti minacciati con un coltello, Tonelli (Sap): «Non possiamo essere accoltellati ogni giorno»

Due agenti di Polizia Ferroviaria, con non poche difficoltà ieri mattina, hanno arrestato un 20enne ivoriano già con precedenti di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. L’ivoriano, invitato dal personale di Trenitalia a scendere dal treno, poiché sprovvisto di titolo di viaggio, ha risposto all’intervento della Polizia, brandendo un coltello a serramanico.

«Ci troviamo sempre dinanzi ad un problema di proporzionalità della difesa» ha detto Gianni Tonelli, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap) «non possiamo essere accoltellati o colpiti da bombe carta tutti i giorni, in un paese che ci avversa e ci vuole criminali per forza».

Il personale di Polizia non è dotato di equipaggiamento idoneo a fronteggiare l’emergenza criminalità. Gli atti criminosi nelle stazioni ferroviarie sono in continuo aumento, ma l’unico provvedimento è quello di tagliare i presidi, anziché dotare il personale di guanti antitaglio, telecamere o spray al peperoncino. 

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1720 times Last modified on Mercoledì, 19 Luglio 2017 18:23

Utenti Online

Abbiamo 864 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine