ANNO XIV Febbraio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 18 Agosto 2017 12:34

Barcellona, "ci sono due vittime italiane"

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Barcellona (Spagna) - "Ci sono due italiani tra le vittime e tre feriti" nell'attacco di ieri a Barcellona. A confermarlo è il capo dell'Unità di crisi della Farnesina, Stefano Verrecchia.

Non c'è ancora una conferma ufficiale dalla Farnesina, ma il nome di una delle due vittime italiane è già noto: si tratta di Bruno Gulotta, responsabile marketing e vendite di 'Tom's Hardware' per l'Italia, salutato dai colleghi questa mattina in un lungo post sul sito della società.

"I tre feriti italiani - aveva spiegato questa mattina a Sky Tg24 l'ambasciatore italiano a Madrid, Stefano Sannino - sono stati ricoverati in ospedali di Barcellona, ma due sono già stati dimessi e l'altro ha riportato fratture ma la sua condizione di salute non è grave né complessa".

Nella notte hanno lavorato diverse equipe di medici forensi per le autopsie e l'identificazione delle altre vittime dell'attentato: fra quelle finora identificate con certezza ci sono tre cittadini tedeschi, un belga e uno spagnolo.

CACCIA ALL'UOMO - Le forze di sicurezza spagnole sarebbero alla ricerca di altre due persone coinvolti negli attacchi di Barcellona e di Cambrils. Lo sostiene la radio Cadena Ser, secondo cui si starebbe cercando anche un terzo furgone oltre ai due di ieri, uno utilizzato per l'attacco, l'altro ritrovato a nord di Barcellona e che sarebbe dovuto servire per la fuga degli attentatori.

La polizia spagnola ritiene che sia il 17enne Moussa Oukabir il presunto autore materiale dell'attentato di ieri. Moussa è il fratello di Driss Oukabir, arrestato ieri a Ripoll, località a un centinaio di chilometri da Barcellona.

Tra le tre persone arrestate dalla polizia spagnola ci sono due marocchini e uno spagnolo proveniente dall'enclave di Melilla, in territorio marocchino.

"NON SONO LUPI SOLITARI" - Il procuratore capo dell'Audiencia nacional spagnola, Javier Zaragoza, ha escluso che i responsabili degli attacchi di Barcellona e Cambrils avessero precedenti per terrorismo. Chiarito di non poter dare troppi dettagli perché alcune informazioni sono "molto riservate", Zaragoza, parlando con Cadena Ser, ha detto che al momento non è chiaro se l'uomo che ha noleggiato il furgone che ha seminato la morte sulla Rambla sia ancora in fuga o sia tra gli attentatori uccisi.

Lo stesso procuratore ha poi sostenuto che i terroristi entrati in azione ieri e nella notte non sono lupi solitari, ma membri di una cellula terroristica basata in Catalogna "pianificata e organizzata".

LE BOMBE DI ALCANAR - Si fa strada intanto l'ipotesi che un'esplosione avvenuta mercoledì scorso in un'abitazione di Alcanar, a 110 km da Tarragona, potrebbe essere legata agli attacchi di ieri in Catalogna. Un uomo arrestato dopo l'esplosione potrebbe infatti aver affittato uno dei furgoni legati a Barcellona e Cambrils. Lo ha riferito il ministro regionale degli Interni della Catalogna Joaquim Forn che, in una dichiarazione alla radio Cadena SER, ha anche spiegato che potrebbe esserci un rapporto "di parentela" tra l'uomo arrestato e i cinque terroristi uccisi dai Mossos a Cambrils.

Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti, non è esclusa l'ipotesi che il materiale esploso nella casa di Alcanar fosse stato preparato per esplodere nell'attentato di ieri di Barcellona. Lo scrive il quotidiano La Vanguardia. Nell'esplosione un uomo è morto.

(AdnKronos)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1081 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1036 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa