ANNO XV Marzo 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 09 Marzo 2018 06:41

Libero l’egiziano che pestò il Carabiniere a Piacenza. Tonelli, Sap «Pura indecenza»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Roma - «Dire che siamo indignati è riduttivo. Chi pesta un uomo in divisa non merita i domiciliari». Commenta così Gianni Tonelli, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), la notizia secondo la quale Moustafa Elshennawi, l’egiziano manifestante che a Piacenza pestò il carabiniere 53enne Luca Belvedere, sarebbe finito ai domiciliari.

«Ci troviamo dinanzi ad una normativa completamente sbagliata. Ci sono dei video che testimoniano la violenza di questa persona ai danni del Carabiniere. È come se fosse stato colto in flagranza.

Non solo - prosegue Tonelli - è stato difeso dai Cobas che hanno sminuito l’accaduto, ma è stato anche premiato con i domiciliari. Vale davvero così poco la vita di un appartenente alle Forze dell’Ordine? Questa è l’ennesima dimostrazione che l’impianto normativo attuale è talmente scarso da non garantire la certezza della pena. E poi parlano di reato di tortura e di diritti umani. Quella che ha subito il Carabiniere, che ha riportato fratture multiple, non è tortura?»

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 833 times

Utenti Online

Abbiamo 921 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine