ANNO XII  Novembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 06 Luglio 2018 20:29

Mezzo hamburger? Ecco cosa potete comprare in Venezuela con lo stipendio di un mese

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Caracas (Venezuela) - Sul mercato nero venezuelano, 5 milioni e 200mila bolivares valgono, nell'unica valuta estera reperibile per la maggior parte dei cittadini, 1,30 euro.

Si tratta del salario minimo per un mese di lavoro.

Nel paese sudamericano la crisi economica sta peggiorando e l'inflazione ha toccato la soglia record del 40.000%, stimano i ricercatori che analizzano l'andamento dei prezzi da una decade a questa parte.

L'iperinflazione sta devastando il Venezuela e la maggior parte degli economisti attribuisce la crisi alla caduta dei prezzi del petrolio e alle politiche economiche socialiste del presidente Nicolás Maduro, tra cui fissare il prezzo di alcuni beni al di sotto del loro costo di produzione.

Euronews ha condotto un sondaggio chiedendo a un piccolo gruppo di venezuelani quanto pagano per prodotti come uova, zucchero o patate.

Lo stipendio minimo mensile a Caracas permette di acquistare, al momento di scrivere, 5 tazze di caffè o mezzo hamburger. Ecco cos'altro potreste comprare dopo un mese di lavoro.

Il leader del paese, Maduro, incolpa l'opposizione e gli uomini d'affari sostenuti da Washington, si rifiuta di ricevere aiuti internazionali e affronta la crisi da un lato stampando più denaro, dall'altro aumentando il salario minimo (sette volte, l'anno scorso).

Ma qualunque sia la vera causa, o il vero insieme di cause, la realtà è che i venezuelani stanno soffrendo. La carenza di cibo è così grave che circa un quarto della popolazione consuma meno di due pasti al giorno, secondo uno studio condotto da tre università di Caracas.

Il mercato nero dei prodotti alimentari è spesso l'unica fonte di beni come la pasta e il riso, ma i prezzi sono cinque volte superiori a quelli di un normale supermercato.

Quanto si spende in una breve visita al supermercato?

"Prima di tutto, andare al supermercato non è mai cosa 'veloce'. Se voglio fare una torta, dovrò andare in almeno tre posti diversi. Non c'è modo di trovare la farina, lo zucchero e le uova nello stesso posto", ha detto Carola, residente a Caracas, a euronews.

Quanti lavoratori sono necessari per sfamare una famiglia?

Il Centro di Documentazione e Analisi Sociale della Federazione Venezuelana degli Insegnanti (Cendas-FVM) ha calcolato a maggio che il bilancio alimentare per una famiglia di cinque persone ha superato i 300 milioni di bolivares.

Ovvero quanto guadagnano 57,7 lavoratori pagati con lo stipendio di base.

Tutti i prodotti sono inaccessibili?

No. Fare il pieno è straordinariamente economico.

Il paese sudamericano ha le più grandi riserve petrolifere del mondo. È possibile riempire il serbatoio di una macchina media per 200 bolivares, il che significa che una tazza di caffè è 6mila volte più cara.

"È consuetudine dare una mancia ai dipendenti della stazione di servizio: pago circa 200 bolivares per riempire il serbatoio della mia auto e ne do 500 all'operatore, mi vergogno di dare meno", ha detto a euronews una residente, Maria Lucia Machado. (Camille Bello - Euronews)

 

Sei arrivato fin qui Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Agoramagazine.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di agoramagazine.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino al giorno. Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1176 times Last modified on Venerdì, 06 Luglio 2018 20:45

Le Vignette di Paolo Piccione

Sputare in faccia qualcuno non è più reato

 

Utenti Online

Abbiamo 1405 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa