ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 26 Aprile 2019 15:24

La malaria si diffonde in Venezuela, mentre l'economia implode

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Caracas (Venezuela) - C'è stato un periodo in cui il Venezuela ha guidato l'America Latina nella battaglia contro la malaria. Non più. Il crollo dell'economia e del sistema sanitario del paese, combinato con l'aumento delle attività estrattive illegali nel sud tormentato dalla malaria, ha causato una ripresa della malattia, che si sta diffondendo attraverso i confini della Colombia e del Brasile.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che tra il 2010 e il 2017 il Venezuela ha registrato un aumento di nove volte del numero di casi confermati di malaria, raggiungendo 412.000. Questo è stato il tasso di crescita più veloce trovato in qualsiasi parte del mondo, secondo il quotidiano The Lancet.

La malattia non sta rallentando. Solo tra il 2016 e il 2017, il numero di casi confermati è aumentato del 70%. Un altro studio, pubblicato questo mese da importanti scienziati venezuelani Adriana Tami e María Eugenia Grillet, stima che i nuovi casi abbiano raggiunto 1 milione nel 2018.

"Dieci anni fa, vedevo nel mio laboratorio 20 o 30 casi di malaria all'anno", dice Oscar Noya, professore all'Istituto di medicina tropicale dell'Università Centrale del Venezuela a Caracas. "L'anno scorso ne ho visti 3.500."

La lotta mondiale contro la malaria, commemorata mercoledì dalla Giornata mondiale della malaria, rimane incentrata sull'Africa, dove si trovano nove casi su 10. Ma paesi come il Venezuela dimostrano che la battaglia è lontana dall'essere vinta. I progressi nell'eliminazione della malattia sono falliti. Tuttavia, i progressi scientifici stanno incoraggiando la speranza che l'iniziativa possa riprendersi.

Il Venezuela ha aumentato il tasso di malaria nelle Americhe in generale. Nel 2017, ha rappresentato la metà di tutti i casi nella regione, secondo i dati dell'OMS. Il Brasile, con una popolazione sette volte più grande e una vasta area di malaria nel bacino amazzonico, rappresentava circa un quinto.

All'inizio di questo decennio, le Americhe stavano vincendo la battaglia contro la malattia. Tra il 2010 e il 2014, il numero di casi registrati nell'emisfero è stato ridotto del 42% a 391.000.

Ma la tendenza si è invertita e in soli tre anni il numero di casi è quasi raddoppiato, raggiungendo 774.000. Tra il 2016 e il 2017, il Venezuela rappresentava l'84% di questo aumento, secondo l'OMS.

È molto lontano dagli anni '50 e '60, quando il Venezuela ha abbracciato con entusiasmo l'irrorazione con il DDT e altri insetticidi e ha sradicato la malaria dalle sue città e ha anche iniziato a sconfiggerlo nella sua vasta giungla meridionale.

"Siamo orgogliosi di guidare il mondo tropicale per eliminare la malaria", ricorda Carlos Chaccour, esperto di malaria venezuelana presso l'Istituto per la salute globale di Barcellona, in Spagna.

"Andando da lì, essendo uno dei leader 50 anni fa, dove siamo ora è davvero drammatico."

Il crollo dell'economia e la disintegrazione del sistema sanitario sono in parte responsabili. La Banca Mondiale afferma che il PIL reale è sceso del 18% lo scorso anno e quest'anno diminuirà del 25%. Ciò comporta un incredibile calo cumulativo del 60 percento dal 2013.

È la più grande crisi economica della storia recente dell'America Latina. Ciò ha influito sul finanziamento dei programmi antimalarici, dicono gli osservatori. Nel 2017, il Venezuela spende meno per ogni persona a rischio di malaria rispetto a qualsiasi altro paese nelle Americhe oltre al Perù, afferma l'OMS. I medici sono fuggiti, parte di un esodo di 3 milioni di persone negli ultimi tre anni, secondo una stima dell'ONU.

Fino alla scorsa settimana, il governo di Nicolás Maduro era stato riluttante a consentire l'ingresso di aiuti umanitari nel paese, negando che ci fosse stata una crisi e accusando la carenza di medicinali per le sanzioni statunitensi. Indriana Parada, sottosegretario alla salute del paese, ha detto in un discorso all'OMS dello scorso anno che dal 2017 la spesa contro la malaria è aumentata.

L'estrazione mineraria è l'altra grande ragione per l'aumento della malaria. Nel 2016, Mr. Maduro ha annunciato la creazione dell '"Orinoco Mining Arc" (vedi la mappa sopra) in una vasta area di terra ricca di minerali che si estende tra i confini con la Colombia e la Guyana.

I minatori sono entrati nell'area alla ricerca di oro, coltan, un minerale metallico usato nei telefoni cellulari e diamanti, ma queste terre sono controllate in gran parte da gruppi criminali e guerriglieri con scarso interesse per la salute pubblica.

"I pozzi della miniera deforestati pieni di acqua stagnante sono ottimi terreni fertili per le zanzare che trasportano la malaria", ha riferito il gruppo di crisi internazionale in un recente studio dell'area. "I minatori dormono in accampamenti improvvisati e amache intorno a queste acque infestate."

Un gruppo di campagna locale ha scoperto che fino a un quinto di tutti i decessi nelle comunità indigene erano causati dalla malaria. Con le cure mediche quasi inesistenti, i minatori pagano le compresse anti-malaria con oro in un fiorente mercato nero.

È da queste zone che la malaria si è diffusa in Colombia e in Brasile. In Colombia, il numero di casi di malaria è diminuito da 115.000 a 62.000 tra il 2016 e il 2018, secondo il National Institute of Health. Ma i casi importati dal Venezuela sono triplicati a 1.734. È un problema piccolo ma in crescita. Nei primi due mesi di quest'anno, quasi tutti i casi importati provenivano dal Venezuela.

Anche il Brasile ha compiuto grandi progressi nell'eliminazione della malaria domestica. Ma nello stato settentrionale di Roraima, il numero di casi tra i migranti venezuelani è aumentato da 2.470 a 4.402 tra il 2016 e il 2018.

Fortunatamente, questi numeri sono ancora piccoli in termini assoluti. Ma la preoccupazione è che se lo stallo politico continua a Caracas, l'economia diventa ancora più complicata e l'esodo si intensifica, il peggioramento della situazione potrebbe innescare una crisi sanitaria oltre i confini del Venezuela.

"Colombia e Brasile sono terreno fertile per la trasmissione della malaria", avverte Chaccour. "Le zanzare sono lì, il clima è lì, i siti di riproduzione sono lì.

"Se aggiungi persone con parassiti, non ci vuole molto per riavviare l'intero ciclo."

Di: Gideon Long – The Financial Times / Traduzione libera di Agorà Magazine

Read 873 times

Utenti Online

Abbiamo 1277 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine