ANNO XIII  Agosto 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 11 Giugno 2019 17:34

"La salute dei neonati a Taranto: come migliorarla?".

Written by 
Rate this item
(0 votes)

È questo il tema dell'incontro con il dott. Oronzo Forleo, primario di Neonatologia all'ospedale "Ss. Annunziata" di Taranto, organizzato per venerdì 14 giugno, alle ore 19 in via Fiume 12, dal consigliere regionale Gianni Liviano e dall'associazione " Le città che vogliamo".

Quello con il dott. Oronzo è il terzo degli incontri organizzati per fare piena chiarezza sulla situazione ambientale a Taranto anche alla luce dei dati forniti nei giorni scorsi che disegnano una realtà davvero drammatica dal punto di vista dell'inquinamento e della salute dei cittadini.

"Nostro primo ospite - ricorda Gianni Liviano - è stato il prof. Giorgio Assennato, già direttore generale di Arpa Puglia, il quale evidenziò come fosse importante che nella nuova Aia fosse inserita anche la Viias. Successivamente è stato il turno del dott. Vito Bruno e del dott. Vittorio Esposito, rispettivamente direttore generale e funzionario di Arpa Puglia, i quali hanno salutato positivamente la riapertura dell'Aia per ex Ilva e il diretto coinvolgimento dell'agenzia, il primo; l'emergenza che deriva dall'inquinamento del sottosuolo per il quale, al contrario di quanto accaduto sulla qualità dell'aria, non ci sono dati di riferimento, il secondo".

L'incontro di venerdì sera con il dott. Forleo, invece, prende le mosse "dalla recente polemica scaturita dal dibattito sul dato dei 600 bambini nati malformati", spiega Liviano. "Dati alla mano - conclude il consigliere regionale tarantino - vogliamo provare a capire come porre argine all'emergenza ambientale e sanitaria e se ci sono i rimedi per assicurare ai nostri neonati ma a tutta la cittadinanza una migliore qualità della vita".

Read 363 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1166 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa