ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 04 Agosto 2019 15:19

Texas Assalto a El Paso. 20 morti e 26 feriti. Fermato un sospetto

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Ancora una strage negli Stati Uniti. Un ragazzo apre il fuoco in un Walmart. Spunta un manifesto razzista. Investigatori: "Crimine d'odio"

L'America fa i conti con l'ennesima strage delle armi, la strage più letale dall'inizio dell'anno negli Stati Uniti, probabilmente dettata dall'odio verso gli ispanici. Un giovane, Patrick Crusius, 21 anni, di Dallas, è entrato in un supermercato Walmart, nel centro commerciale Cielo Vista di El Paso, in Texas, imbracciando un Kalashnikov e ha cominciato a sparare. I morti sono almeno 20, 26 i feriti, molti dei quali lottano tra la vita e la morte.I media locali parlano anche di 4 bambini tra i morti. La polizia parla di crimine d'odio: è sotto esame del Fbi un manifesto di 4 pagine, intitolato "The Inconvenient Truth", che si ritiene sia stato scritto proprio dal 21enne (ma ancora non c'è la conferma ufficiale): fa riferimento al massacro di Christchurch e alla Teoria della Grande Sostituzione.

L'attacco al locale Walmart sarebbe una risposta all'invasione ispanica del Texas e il killer si dice ispirato dal suprematista bianco, Brenton Tarrant, autore della strage nelle moschee nella città neozelandese. Il manifesto è stato postato nel forum 8Chan, lo stesso all'epoca utilizzato da Tarrant, appena 20 minuti prima, secondo la Cnn, della prima telefonata di allarme alla polizia di El Paso. Nel manifesto l'autore parla del suo odio per immigrati e ispanici, accusando loro e agli americani di prima generazione di portare via il lavoro e annacquare la cultura statunitense. E' una risposta - si legge "all'invasione ispanica del Texas: loro sono quelli che istigano e non io. Io sto semplicemente difendendo il mio Paese dalla sostituzione etnica e culturale portata da un'invasione". Poi, l'autore del manifesto si scaglia contro i Democratici e anche contro i Repubblicani. "Le mie opinioni sull'automazione e sull'immigrazione e su tutto il resto -aggiunge- anticipano Trump e la sua campagna elettorale". Il giovane, di cui c'è una foto mentre entra nel locale -maglietta con le maniche corte, pantaloni lunghi color chiaro, occhiali e cuffie per proteggersi dal rumore degli spari, un fucile automatico imbracciato e pronto a far fuoco - è stato catturato dalla polizia senza opporre resistenza. Il governatore del Texas, Greg Abbott, ha detto che si è trattato di "uno dei giorni più sanguinosi" nella storia dello Stato.

Ancora si sa poco delle vittime ma il presidente messicano Manuel Lopez Obrador ha detto che ci sono tre messicani tra i morti. L'America è sotto shock. Alcuni giorni fa due impiegati della stessa catena commerciale erano stati uccisi a colpi d'arma da fuoco a Southaven in Mississippi; e sabato scorso, un 19enne di origini italo-iraniane, con simpatie suprematiste, ha aperto il fuoco sulla folla al Gillroy Garlic Festival in California e ha ucciso tre persone, tutti giovanissimi: un bimbo di 6 anni, un'adolescente di 13 e un ragazzo di 2. Trump: terribile sparatoria a El Paso "Terribile sparatoria a El Paso, in Texas. Le notizie sono bruttissime, diversi morti". Con poche righe il presidente americano ha commentato su Twitter la sparatoria in Texas. "Al lavoro con autorità statali e locali e con forze di sicurezza. Parlato con il governatore per garantire pieno sostegno dal governo federale", assicura quindi Trump". Governatore: nostri cuori rivolti alle vittime "Oggi la comunità di El Paso è stata travolta da un insensato atto di violenza. Il nostri cuori sono rivolti alle vittime alle vittime di questa orribile sparatoria e all'intera comunità di El Paso. Ho chiesto a tutti i texani di rivolgere le loro preghiere alle vittime e ai loro familiari". Lo ha scritto in un comunicato diffuso su Twitter il governatore del Texas, Greg Abbott, prima di raggiungere il luogo della strage. "Lo Stato del Texas - ha aggiunto - sta facendo tutto quanto nelle sue possibilità per perseguire gli autori di questo atto insensato".

Papa Francesco: "Spiritualmente vicino alle vittime delle sparatorie" "Sono spiritualmente vicino alle vittime degli episodi di violenza che in questi giorni hanno insanguinato il Texas, la California e l'Ohio,negli Stati Uniti, colpendo persone inermi. Vi invito ad unirvi alla mia preghiera per quanti hanno perso la vita, per i feriti e i loro familiari". Lo ha detto papa Francesco al termine dell'Angelus, recitando quindi con i fedeli un'Ave Maria. (Rai News)

Read 193 times Last modified on Domenica, 04 Agosto 2019 15:54

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1263 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa