ANNO XIV Agosto 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 08 Dicembre 2019 13:54

In Venezuela ci sono casi crescenti di bambini e adolescenti infetti da HIV, gonorrea e sifilide

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La situazione delle persone con infezione da HIV è qualcosa che è visibile solo dalla società civile. Il governo non ha pubblicato statistiche che rivelino lo stato del virus, sebbene vi sia una preoccupante incidenza nei bambini e negli adolescenti. Secondo il Dipartimento di Infectologia di J. M. de Los Ríos, quest'anno - fino a settembre o ottobre - sono stati contati 16 nuovi casi.

La media stimata, in generale, era di quattro o cinque casi all'anno, secondo la dott.ssa María Graciela López, professore di laurea specialistica in Infectology presso J. M., e anche presidente della società venezuelana di infectology.

Oltre a quelli infetti da HIV, López ha anche notato un'alta incidenza di gonorrea e sifilide.

“Il rimbalzo della sifilide e della gonorrea è molto alto. Almeno, la gonorrea, un anno fa è stata la più importante malattia a trasmissione sessuale in Venezuela. Oggi non so come sia la classifica, ma la tendenza è preoccupante a tutte le età, e di più quando c'è un'iniziazione precoce e non esiste un'adeguata campagna educativa e preventiva, che aumenta i rischi.

Ha sottolineato che le consultazioni stanno ricevendo un numero significativo di nuovi pazienti con gonorrea, che sono figli di madri di età inferiore ai 16 anni. Stanno arrivando anche con la sifilide e l'HIV. Sono dati importanti che sperano di aver aggiornato entro gennaio 2020.

A questo punto, ha spiegato, hanno uno svantaggio: quando la madre minorenne arriva con un bambino, non possono prendersi cura di entrambi.

La madre partecipa a una consultazione per adulti, perché è classificata come adolescente emancipata. “La vulnerabilità in questi casi è molto maggiore. Stiamo anche vedendo che molte delle infezioni ai bambini sono dovute alla trasmissione verticale. Le ragazze sono a conoscenza dell'infezione quando vengono dimesse, e questo perché non hanno avuto il test Elisa per rilevare il virus. "

Quando il medico Raúl Leonett, specialista in sanità pubblica e capo del programma nazionale per l'AIDS, presentò alla fine di ottobre lo scopo del piano generale, disse che - in relazione alla sifilide congenita (SC) una malattia trasmessa al feto attraverso il placenta— per il 2018 ci sono stati 80 casi e quest'anno la cifra è di circa 176.

Ha anche indicato che ci sono 309 donne in gravidanza con sifilide, di cui 205 sono in cura e dei 145 con HIV ricevono le loro medicine 101.

Per quanto riguarda i decessi dovuti a SC, nel suo rapporto ha menzionato che nel 2018 52 sono avvenuti in bambini di età inferiore a un anno, con Aragua e Carabobo che sono stati gli Stati che hanno registrato il maggior numero di decessi.

Mentre nel 2019 hanno registrato 6 decessi, lo stesso nei bambini di età inferiore a 1 anno.

Finora quelle sono le cifre ufficiali che parlano della malattia. Tuttavia, il Dr. López ha delle riserve nel trattamento dei dati.

La Società scientifica non è responsabile della raccolta di statistiche, il suo lavoro è l'educazione medica. Tuttavia, tenuto conto del vuoto epidemiologico, le ONG e i sindacati conducono i propri studi. "Ma non abbiamo accesso a tutti i dati a livello nazionale", ha affermato il pediatra.

Il più vulnerabile non assistito
Questo 1 ° dicembre, giornata mondiale della lotta contro l'AIDS, in Venezuela è stato evidente che la popolazione infantile è la più vulnerabile e senza assistenza, perché è al di fuori dei programmi di cura dei virus.

Tanto che le medicine che stanno arrivando nel Paese attraverso il Master Plan - un'articolazione tra la società civile, la Pan American Health Organization e UNAIDS - vanno a beneficio solo della popolazione adulta e adolescente.

I bambini sotto i 20 chili con l'HIV non hanno ora antiretrovirali a seguito di tale donazione. Ciò che stanno fornendo, nel caso dei pazienti di J. M. de Los Ríos, sono le dosi rimaste in magazzino.

"I donatori puntuali hanno portato un trattamento pediatrico, ma dire che è arrivato in maniera orchestrata e organizzata dal Ministero della Salute, non è successo", ha affermato Lopez.

Non sono più di 1000 bambini. “Quando vediamo il numero di adulti con infezione da HIV, certamente [quello dei bambini] è un numero molto piccolo, forse per questo motivo vengono esclusi dai trattamenti. Quando in realtà le donne in gravidanza con HIV e minori dovrebbero essere al centro dell'attenzione prioritaria. Ma è vero il contrario, senza medicine e formule lattiero-casearie per tre anni. "

Un altro aspetto che il medico ha sottolineato è l'incapacità di fare una diagnosi rapida e precoce. Non ci sono test diagnostici ed è molto difficile conoscere lo stato infettivo delle donne in gravidanza.

“E sta succedendo che scoprono che il bambino si ammala per un anno di vita. Quindi il bambino, che non ha un carico immunitario maturo, viene compensato da diarrea frequente e infezioni respiratorie ricorrenti. Queste complicanze, che si verificano nel 30% dei bambini con HIV, alla fine portano alla morte. Semplicemente, la lotta tra il sistema immunitario e il virus finisce per vincere il virus ".

Ciononostante, la mortalità, ha affermato, è più difficile da quantificare, per le stesse ragioni per cui non esistono dati ufficiali accurati e per quanto sia difficile raccogliere informazioni da alcune regioni dell'interno del paese.

Ha citato, ad esempio, che l'anno scorso c'era un'acuta carenza di antiretrovirali. Sono stati otto mesi continui senza farmaci. “Questo fa allontanare le persone dalle consultazioni. Vanno in ospedale e non c'è. Molti pazienti sono stati persi e non sappiamo nulla di loro. Li chiamiamo i telefoni cellulari che hanno dato e sono attivi e non rispondono. C'è un folto gruppo di persone infette da HIV che non hanno il controllo e questo è molto grave ed è collegato a casi di mortalità.

Mabel Sarmiento / Crónica.Uno

Libera traduzione di Agorà Magazine

Read 447 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1018 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa