ANNO XIV Giugno 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 20 Gennaio 2020 05:33

Taranto - Spiaggia di lido Chiapparo - Ancora una volta noi cittadini siamo intervenuti!

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Questa mattina, su iniziativa del sottoscritto, quale presidente del movimento TARANTO DIRITTO DI VOLARE, partita ufficialmente verso la Pro Loco di Capo San Vito (TA) chiedendo d’intervenire nel ripulire la spiaggia di Lido Chiapparo (per il movimento TARANTO DIRITTO DI VOLARE è la 3^ volta, 2017, 2018 e 2020) concretandola oggi, assieme all’associazione PLASTICAQQUÀ (organizzatore) e l’associazione COSì PARLO’ ZARABUSTA, abbiamo portato a termine l’iniziativa “raccolta rifiuti volontaria SPIAGGIA LIDO CHIAPPARO”.

Nell’occasione abbiamo raccolto oltre 40 buste grandi di rifiuti tra cui: detriti, tantissima plastica, reti per le cozze, vetro, galleggianti, pneumatici, lattine metalliche leggere, etc. etc.(foto), questi rifiuti erano presenti sia a mare, sia sulla parte asciutta di quel tratto di costa. In quest’occasione, Il nostro intervento, non è stato risolutore ma abbiamo ridato un’immagine diversa di quel piccolo tratto che gridava vendetta per essere uno dei posti più belli del Mar Grande. Sindaco Melucci. Ovviamente, è necessario che intervengano radicalmente gli enti preposti, DEMANIO E COMUNE, sia sulla spiaggia, sia nella parte interna della stessa, dove c’è tutto e di più di tutto da togliere, tra sterpaglie e spiaggia.

 

Questa zona invasa da sterpaglia deve essere recuperata debellando la stessa sterpaglia con aratri e altro mezzo che permettano di far soleggiare ai cittadini e presunti turisti. Bisogna intervenire nella zona sottostante alla villa dell’Ammiragliato con mezzi meccanizzati ad esempio RUSPE E RAGNO e squadre specialistiche nel bonificare tale posto. Posso solo dire che è squalificante vedere un posto così meraviglioso (foto) in cui il tratto di costa è invaso da rifiuti di ogni genere. Lido Chiapparo è una spiaggia pubblica su un terreno demaniale, come viale del Tramonto, Viale Jonio, Lido Bruno, Lido Taranto, etc etc. Pertanto, invitiamo l’Amministrazione comunale di Taranto, in accordo con il Demanio, a intervenire radicalmente per consegnarlo strutturalmente idoneo alla città. Ovviamente, la maggior colpa è del cittadino che butta i rifiuti sia sulla parte costiera sia a mare ma, VOI dovete fare la Vostra parte come Enti Pubblici al servizio della città. Chiedo ancora una volta cortesemente alla Direzione Amiu, di sistemare i contenitori porta rifiuti (cassonetti differenziati), in modo tale che i bagnanti sopratutto in estate, i pescatori abbiano i cassonetti dove mettere i rifiuti prodotti dagli stessi, per consentire a loro di collaborare nel depositare ciò che di rifiuto producono.

Read 338 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1320 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa