ANNO XIV Febbraio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 20 Gennaio 2020 19:44

Gregoretti: Giunta Senato, ok a processo a Salvini. Maggioranza diserta

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Bocciata la proposta di Gasparri che chiedeva di negare autorizzazione. Maggioranza non partecipa. Salvini: 'Sono pronto alla prigione'. Zingaretti attacca il leader della Lega: 'Vuole l'impunità'. In Giunta no alla relazione del presidente. Gasparri: "Sporgerò denuncia sugli insulti". Il leader leghista: "Se mi arrestano scriverò 'Le mie prigioni'". Di Maio: "Salvini sa che bloccare la nave fu scelta sua".

E' terminata la votazione in Giunta sulla relazione Gasparri. Voto finale 5 sì e 5 no, per cui è stata respinta la richiesta del presidente, chiedendo così di processare Salvini.

A votare per il sì al processo i 5 senatori della Lega, Pillon, Stefani, Augussori, Urraro e Pellegrini, facendo seguito a quanto chiesto dallo stesso Matteo Salvini. Contro il processo invece il presidente Gasparri con i tre senatori di Forza Italia e il membro di Fratelli d'Italia. Il risultato di pareggio, come determina il regolamento, fa prevalere il no alla relazione del presidente, che chiedeva di dire no al tribunale dei ministri di Catania.

La maggioranza non ha partecipato alla Giunta. "Salvini e la Casellati hanno ottenuto il loro piccolo risultato. Il prezzo pagato è quello di scassare le istituzioni e di dividere nuovamente il centrodestra. Il Pd e la maggioranza parlamentare invece sono uniti nel difendere prima di ogni cosa la dignità del Parlamento, che è più importante dei problemi giudiziari di Salvini" ha detto il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci, commentando la spaccatura del centrodestra nel voto della Giunta.

Al termine della riunione il presidente Maurizio Gasparri ha annunciato che sporgerà "denuncia, all'ispettorato della Polizia e dei carabinieri alla presidenza del Senato" per gli insulti ricevuti negli ultimi giorni.

Sul caso Gregoretti "l'azione di governo è chiarissima", ha scandito, e "l'assenza di un consiglio dei ministri in presenza dell'attività del ministro Salvini di trattenimento e degli altri funzionari della presidenza del Consiglio, stretti e diretti collaboratori di Conte" dimostrano che "i fatti sono chiarissimi".

Via libera della Giunta delle immunità del Senato al processo a Matteo Salvini sull'ipotesi di accusa di sequestro di persona per il caso Gregoretti. La Giunta ha respinto la proposta del presidente Gasparri di negare la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dell'ex ministro dell'Interno. Contro la proposta hanno votato i 5 senatori della Lega, a favore i 4 di FI e Alberto Balboni di FdI. In caso di pareggio, il regolamento del Senato fa prevalere i "no".

Dopo la votazione della Giunta delle immunità del Senato, si esprimerà l'Aula che darà il voto definitivo. La data del voto (prevista verso metà febbraio) verrà decisa dalla conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama. È quanto emerso dalla riunione della Giunta.

"La maggioranza non solo vuole processare Salvini, ma pretende anche di decidere come e quando - aveva detto Erika Stefani a nome dei componenti leghisti della giunta per le immunità di Palazzo Madama -. Se la maggioranza pensa davvero che Salvini sia un sequestratore, l'ex ministro andrebbe fermato subito. La melina di Pd, 5S e Iv dimostra che è solo una vergognosa sceneggiata per colpire il leader della Lega. La vera sentenza sarà emessa dagli elettori di Calabria ed Emilia-Romagna, e per smascherare l'ipocrisia della maggioranza voteremo sì al processo".

"Guareschi diceva che ci sono momenti in cui per arrivare alla libertà bisogna passare dalla prigione. Siamo pronti, sono pronto", ha detto in mattinata Matteo Salvini, a margine di un'iniziativa elettorale della Lega a Comacchio, rispondendo a una domanda sul caso Gregoretti.

"Salvini sta usando un tema della giustizia per motivi politici e personali, come sul caso Diciotti e sul Russiagate. Quella della Gregoretti è una vicenda solo giudiziaria, ma lui pretende l'impunità", aveva sostenuto il segretario Pd Nicola Zingaretti. "Gli avversari si sconfiggono con la politica, ma chi rappresenta i cittadini lo giudichi leggendo le carte - aveva spiegato -. Salvini è garantista su se stesso e giustizialista con gli avversari". Il segretario del Pd aveva anche aggiunto che "la presidente del Senato Casellati ha compiuto un atto sbagliato, invece di garantire una terzietà si è schierata a favore della sua parte politica. Questo resta un vulnus, una funzione istituzionale molto importante non è stata rispettata".

Sul caso Gregoretti "Salvini è passato dal sovranismo al vittimismo, ma è solo tattica - aveva detto il ministro Luigi Di Maio a margine del Consiglio Esteri Ue -. Il nostro obiettivo come parlamento deve essere di lavorare per i cittadini, la magistratura si occuperà della questione Gregoretti. Ognuno si prenda le sue responsabilità".

Read 180 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 888 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa

Calendario

« February 2020 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29