ANNO XIV Novembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 31 Gennaio 2020 13:46

Per la salute degli italiani del Venezuela un giorno storico. Placido Vigo, per l'atto di fondare un ospedale a Caracas il 1 Febbraio

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il prossimo 1 febbraio sarà "un giorno storico" per la comunità italiana del Venezuela e anche per il Paese con la cerimonia di fondazione dell'Ospedale Italiano di Caracas.

L'Ambasciatore Placido Vigo, responsabile Affari dell'Ambasciata italiana, ha dichiarato dopo aver sottolineato che l'evento sarà presieduto dal senatore Ricardo Merlo, Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri d'Italia.
"Penso che sia un giorno storico per la nostra comunità italiana in Venezuela e per il Venezuela. Non è facile fare una cerimonia di firma della fondazione dell'ospedale italiano del Venezuela con la presenza del Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri d'Italia, senatore Ricardo Merlo, e il presidente della Federazione Internazionale della Croce Rossa, Francesco Rocca ", ha detto Vigo in una conversazione con l'ANSA.
L'ambasciatore ha confermato che parteciperanno alla cerimonia anche Franco Livini, presidente dell'Ospedale italiano di Buenos Aires, e Roberto Orecchia, direttore scientifico dell'Istituto europeo di oncologia di Milano.
Saranno inoltre presenti Gabriel Farante, direttore per le relazioni internazionali dell'Istituto europeo di oncologia di Milano e Cono Gumina, presidente dell'Anticancer Association of Venezuela.
"Avremo una cerimonia molto bella e poi lo statuto della fondazione sarà firmato di fronte alla comunità", ha detto.
Ha detto che "l'idea è quella di essere in grado di contribuire al sistema sanitario venezuelano con una fondazione che potrebbe presto aprirsi all'ospedale San Juan de Dios-Caracas-, un primo centro di attenzione per i nostri italiani".
"Quella fondazione riceverà il sostegno del governo italiano e il consolato generale finanzierà i piani di assistenza degli italiani più bisognosi", ha affermato.
Inoltre, ha affermato che il centro sanitario funzionerà esattamente come l'ospedale italiano di Buenos Aires, in Argentina, e sarà una fondazione senza fini di lucro che "utilizzerà tutte le risorse per migliorare il sistema sanitario per tutti".
"Non è solo dedicato agli italiani, si chiama italiano, ma sarà aperto a tutti perché ci deve essere un'attenzione da fratellanza", ha sottolineato.
A questo proposito, ha affermato che dopo la cerimonia di sabato, è previsto che entro 30 giorni il Consiglio di amministrazione sarà nominato a lavorare "firmando un'alleanza strategica con questo ospedale".
"L'idea è quella di essere in grado di sistemare i due piani di quell'ospedale con circa cinque sale operatorie e iniziare ad assumere personale, infermieri, medici, che vogliono lavorare in questa nuova struttura", ha detto.
Il capo della missione ha commentato che all'inizio il Consiglio di amministrazione prevede anche di firmare "alleanze strategiche con altri ospedali", perché a San Juan de Dios "avremo solo 30 letti, che sono pochissimi".
Ha anche spiegato che l'ospedale avrà membri fondatori, benefattori, sponsor e onorari e che il "cittadino italiano o qualsiasi cittadino che voglia unirsi e che non faccia parte degli italiani che sono assistiti dal Consolato avrà piani sanitari privati , attraverso una commissione che pagheranno e che consentirà loro di accedere a questo servizio tutto l'anno. "
Vigo ha sottolineato che l'ospedale è un'iniziativa dell'Ambasciata italiana, del Consolato Generale e del Comitato Promotore, che ha il sostegno del Ministero della Salute del Venezuela. La comunità italiana è la più grande del paese, davanti sia agli spagnoli che ai portoghesi, secondo i dati del censimento del 1961.
Il Venezuela sta attraversando un collasso economico accentuato dall'iperinflazione, dalla carenza di medicinali e da cattivi servizi pubblici come la salute, con ospedali in cattive condizioni, senza forniture, attrezzature o medicine. (ANSA).

Read 949 times

Utenti Online

Abbiamo 1198 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine