ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 15 Maggio 2020 06:32

Pulsano (Taranto) Angelo Di Lena rintuzza la Lega circa il suo abbandono

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena replica con sdegno alle considerazioni della Lega sul suo abbandono. L’abbandono del consigliere di Pulsano Angelo Di Lena al gruppo della Lega non è stato ben digerito dai vertici provinciali del partito che hanno diramato una nota da contenuti aspri con considerazioni sulla sfera privata lavorativa del consigliere.


In replica a queste parole è voluto intervenire il consigliere comunale Angelo Di Lena sdegnato da tale comportamento.
" Certe repliche di partito si commentano da sé.
Le considerazioni sulle mie vicende personali lavorative sono di uno squallore unico e dimostrano la pochezza di chi le ha espresse perché esulano dal discorso politico ed entrano nel privato di una persona.
Una chiara invasione nella mia vita privata ed una violazione della privacy con diffusione di notizie personali non autorizzate.
Potrei fare la stessa cosa, ma non mi abbasso a tali comportamenti.
Mi rendo conto ancora di più delle persone con cui ho avuto a che fare.
La lega doveva rappresentare il nuovo, almeno nella nostra regione, come mi avevano prospettato ed invece ha raccolto personaggi della vecchia politica che si sono riciclati.
E il vecchio non vuole valorizzare e dare spazio al nuovo e farsi carico delle nuove proposte.
Questo modo di fare politica non porta da nessuna parte e non mi appartiene.
La politica è un servizio che va reso alla comunità ed ai cittadini.
Al di la dei pochi incontri che si sono tenuti in 8 mesi nella nuova segreteria i componenti del partito non si sono mai concretamente interfacciati con il sottoscritto per dare esecuzione ad una vera e propria programmazione politica tanto che durante gli sbarchi dei migranti a Taranto manifestai il mio dissenso senza avere nessuna altra figura ionica che mi supporta se.
La gente ha bisogno di persone che vivono e si battono per il territorio e non di fantasmi in giacca e cravatta.
Il bello della politica si traduce anche nella libertà o capacità di scegliere per spaziare nelle sue forme scrollandosi da contenitori sterili e contro producenti per il bene del popolo.
Trovo assurdo e paradossale che figure che ricoprano incarichi politici di un certo rilievo ed incarichi privati lavorativi possano strumentalizzare la mia vita privata lavorativa che non deve interessarli ,così come a me non interessa la loro anziché fare un mea culpa e riflettere sulle loro mancanze per aver perso un pezzo di quella che poteva essere ma non è mai stata una squadra”.

Read 152 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1190 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa