ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 16 Luglio 2020 22:30

Appello di Enrico Montesano alla politica: "Non abbandonate Chico Forti"

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'attore in piazza Montecitorio, arriva Salvini e in aula Fdi espone volantini

Un appello trasversale a tutti i partiti politici, affinché Chico Forti, l'italiano detenuto da 20 anni in una prigione della Florida, possa rientrare finalmente in Italia. A lanciarlo, in un sit-in a piazza Montecitorio, è stato oggi l'attore Enrico Montesano, che avrebbe voluto, a suo dire, tanti rappresentanti della politica italiana e capi di partito sfilare tra i manifestanti che hanno scandito a gran voce la necessità di verità e giustizia per Forti. E, invece, l'unico a scendere in piazza raccogliendo l'appello di Montesano è stato il leader della Lega Matteo Salvini, con alcuni parlamentari del Carroccio. Salvini accanto all'attore ha parlato a lungo con i manifestanti da anni impegnati in questa battaglia legale e diplomatica tra l'Italia e gli Stati Uniti.

"Quella per Chico Forti è una battaglia che va al di là della politica - ha detto Salvini - chiediamo che possa tornare in Italia, l’appello ai partiti è che un italiano torni a casa sua. Non clemenza ma rientro in Italia e poi un passo alla volta. Io guardo avanti non indietro, se ci sono stati errori nel processo è difficile riconoscerlo. Vedo qualcuno che ha commesso reati in Italia che è tornato a casa sua, in Germania e in Usa". Anche Montesano ha puntato l'attenzione sul fatto che la vicenda di Forti non ha colori partitici. "Avrei voluto qui anche Zingaretti, Bersani, Berlusconi, Prodi e i presidenti di Camera e Senato - ha affermato l'attore - perché questa non è una questione politica ma riguarda Chico e tanti italiani detenuti all’estero".

Montesano ha anche raccontato quali motivazioni lo abbiano spinto a organizzare il sit-in sotto Montecitorio: "Dopo aver visto in tv un servizio delle Iene, io e mia moglie abbiamo preso a cuore la storia di Chico. E' stata lei con la sua sensibilità - ha spiegato Montesano - a dirmi di interessarmi, così ho deciso di mettere la faccia, la mia immagine, per mobilitare l'opinione pubblica su questa storia". Anche il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede è passato davanti ai manifestanti, senza però rilasciare dichiarazioni. "Ministro Bonafede dica a Di Maio di andare negli Usa per riportare a casa Chico Forti, ci metta la faccia", hanno urlato rivolgendosi al Guardasigilli. "Il ministro Di Maio - ha aggiunto Montesano - mi sembra interessato alla vicenda, ma non so altro. Quello che so è che la nostra diplomazia quando si muove è capace di risolvere casi ben più pesanti".

Mobilitazione anche del gruppo alla Camera di Fratelli d’Italia per il caso Forti. "Tutte le forze politiche in modo unitario e trasversale si attivino per impegnare il Governo a fare di tutto affinché il nostro connazionale possa scontare il residuo della pena qui in Patria", ha detto il capogruppo Francesco Lollobrigida che prima dell'arrivo di Montesano era passato anche tra i manifestanti del sit-in per assicurare il supporto di Fdi. "Chiediamo anche la possibilità di revisionare il processo che Forti ha subìto negli Usa, a nostro avviso pieno di lacune e irregolarità, al fine di arrivare finalmente a verità e giustizia per un connazionale che si è sempre proclamato innocente". Al termine dell’intervento di Lollobrigida, tutti i parlamentari di Fdi presenti in Aula hanno esposto un volantino con scritto 'Giustizia per Chico Forti'. Adnkronos

Read 242 times

Utenti Online

Abbiamo 1159 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine