ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 09 Settembre 2020 16:31

Salvini aggredito, gli strappano rosario e camicia a Pontassieve

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Questura: 'Giovane in evidente stato di alterazione psico-fisica'. Il leder della Lega: 'Ho pena per chi mi ha aggredito, avanti a testa alta'. La solidarietà del ministro Lamorgese . Una quarantenne di colore ha strappato al leader della Lega la camicia e la collanina. È stata subito fermata dagli agenti della scorta.

Strattonato da una giovane che gli ha strappato la camicia e anche la catenina che aveva al collo. E' quanto capitato al leader della Lega Matteo Salvini poco dopo il suo arrivo a Pontassieve, una delle tappe del suo odierno tour elettorale in provincia di Firenze. Immediato l'intervento delle forze dell'ordine che hanno identificato la giovane in una ventenne originaria del Congo. Accertamenti sono in corso sulla ragazza da parte della questura che parla di una persona "in evidente stato di alterazione psico-fisica". La giovane, da quanto spiegato, era tra il pubblico che si era radunato per l'arrivo del leader della Lega.

Secondo una prima ricostruzione della questura, non si sarebbe trattato di un gesto programmato. In base a quanto emerso dai primi accertamenti, la giovane, che stava tornado a casa dal lavoro, si sarebbe trovata casualmente in mezzo ai sostenitori della Lega che erano intorno a Salvini. A questo punto ne avrebbe approfittato per avvicinarsi al leader della Lega e afferrarlo per la camicia.

L'episodio, spiega sempre la polizia, sarebbe del tutto sganciato dalla manifestazione di protesta contro Salvini che pure è in corso a Pontassieve, alla quale stanno partecipando alcune decine di antagonisti.

Mentre Salvini camminava lungo via Tanzini, nel centro della cittadina, una donna di colore di circa 40 anni lo ha affrontato gridando e gli ha strappato la catenina, la camicia e la mascherina. La donna, che è apparsa in stato d'agitazione, è stata subito fermata dalla scorta dell'ex ministro.

Salvini è arrivato a Pontassieve dopo due tappe a Fucecchio e a Scandicci, e si stava recando negli studi di Radio Sieve per un collegamento con l'Aria che tira su LA7, regolarmente andato in onda. Sempre a Pontassieve era previsto oggi un pranzo al ristorante Seven, in seguito annullato “per le minacce e gli insulti arrivati al proprietario”, come aveva spiegato lo stesso Salvini.

La donna, che lavora per un progetto del servizio civile del Comune, è riuscita ad avvicinare il leader della Lega e in pochi secondi lo ha strattonato, strappandogli la camicia e la catenina al collo. Immediato l'intervento della polizia che ha fermato la congolese, che secondo la Digos era in uno stato di alterazione. La 30enne, che non ha precedenti penali, rischia una denuncia per violenza privata e resistenza a pubblico ufficiale: accertamenti in tal senso sono in corso da parte della Digos. La donna avrebbe agito da sola e non aveva preso parte alla manifestazione che questa mattina si è tenuta a Pontassieve contro la presenza di Salvini.

"Tutto bene tranquilli, nessun problema fisico. La camicia strappata la posso ricomprare, il rosario strappato con violenza dal collo che mi aveva donato un parroco purtroppo no. A questa rabbia rispondo col sorriso e col lavoro, evviva l'Italia delle donne e degli uomini che credono nella libertà, nella serenità e nel lavoro. P.s. Per la "signora" che mi ha aggredito e insultato non provo rabbia, solo pena e tristezza. Avanti, senza paura e a testa alta". Lo scrive su facebook il leader della Lega Matteo Salvini a proposito dell'aggressione subita a Pontassieve durante un'iniziativa pubblica da parte di una giovane donna, che gli ha strappato la camicia e il rosario che portava al collo.

La solidarietà di Giorgia Meloni leader di Fratelli d'Italia, che su ffacebook scrive: Solidarietà di Fratelli d'Italia a Matteo Salvini. Oggi in Toscana una ragazza lo ha aggredito e gli ha strappato la camicia e la catenina che aveva al collo. Mi auguro che la condanna di questo atto ignobile sia unanime e arrivi da tutte le forze politiche, nessuna esclusa. Chi da settimane sta avvelenando il clima ad ogni costo pur di dipingere i propri avversari politici come nemici da abbattere deve assumersi le proprie responsabilità. Quello che sta accadendo è intollerabile per una nazione democratica.

"Il Paese ha bisogno di una campagna elettorale serena, basata su un confronto leale e rispettoso di tutte le posizioni politiche, lontana dalle estremizzazioni dei toni e dei comportamenti. Per questo, ogni forma di violenza e di intolleranza, anche solo verbale, deve essere condannata ed isolata per garantire a tutti i protagonisti delle competizioni elettorali la piena libertà di manifestare il proprio pensiero". Così il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, esprimendo la sua solidarietà a Salvini.

"Ogni forma di aggressione verbale o fisica va condannata senza mezze misure. Massima solidarietà al senatore Salvini per quanto successo quest'oggi. La politica abbassi i toni ed eviti di esasperare la campagna elettorale". Così in una nota il ministro Luigi Di Maio.

Read 217 times

Utenti Online

Abbiamo 1200 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine