ANNO XV Marzo 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 22 Febbraio 2021 16:43

Il governo ha vietato le visite per chi è in zona rossa, anche ai congiunti

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il governo Draghi ha approvato le nuove regole anti-covid. Regioni ed esecutivo hanno domenica discusso delle nuove misure tra cui lo stop agli spostamenti verso le seconde case in zona rossa.

Mario Draghi stringe i bulloni delle misure contro l'emergenza Covid. Mentre i comuni e il leader della Lega, Matteo Salvini, chiedono di poter tornare a cenare nei ristoranti, il primo decreto legge del nuovo Governo vieta nelle zone rosse le visite nelle abitazioni private, anche quelle dei congiunti, salvo motivi di lavoro, necessità o salute.

Gli spostamenti verso abitazioni private abitate restano invece consentiti, tra le 5.00 e le 22.00, in zona gialla all'interno della stessa Regione e in zona arancione all'interno dello stesso Comune, fino a un massimo di due persone, che possono portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali esercitino la responsabilità genitoriale) e le persone conviventi disabili o non autosufficienti.

Il decreto legge proroga inoltre fino al 27 marzo 2021, su tutto il territorio nazionale, il divieto di spostarsi tra diverse Regioni o Province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessita' o motivi di salute. Resta comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Nelle zone arancioni, per i Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, sono consentiti gli spostamenti anche verso Comuni diversi, purché entro i 30 chilometri dai confini.

Durante il precedente Governo Conte II, le visite ai privati erano consentite anche in zona rossa. L'articolo 3 del Dpcm del 14 gennaio scorso stabiliva per le zone rosse: "Lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è consentito, nell'ambito del territorio comunale, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5,00 e le ore 22,00, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni quattordici sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi". AGI

Read 124 times

Utenti Online

Abbiamo 765 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine