ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 27 Gennaio 2023 14:18

Tragedia alle porte di Roma, 16 anni dopo una storia che si ripete

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'incidente su via Nomentana, a Fonte Nuova. Le vittime, tre ragazzi e due ragazze, avevano tra i 17 e 22 anni. Una sesta persona è stata trasportata in ospedale. Proprio nel 2007 uno scontro fu fatale per altri cinque giovani: una lunga scia di sangue che non accenna a fermarsi. 

Avevano tra i 17 e 22 anni i cinque giovanissimi, tre ragazzi e due ragazze, che stanotte hanno perso la vita in un tragico incidente stradale avvenuto poco prima delle 3 lungo la via Nomentana, nel tratto urbano che attraversa l'abitato di Fonte Nuova, cittadina a nord di Roma. Un sesto ragazzo, pure lui giovanissimo, è invece ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Sant'Andrea, dove è arrivato in codice rosso. 

Secondo le prime ricostruzioni l'automobile su cui viaggiavano i sei ragazzi, una 500 bianca, si sarebbe andata a schiantare per cause ancora da accertare - e al vaglio dei carabinieri del Nucleo investigativo della compagnia di Monterotondo, competenti per territorio, che hanno effettuato i rilievi insieme ai colleghi della stazione di Mentana - prima contro un palo della luce situato in prossimità del bivio tra la strada provinciale Nomentana e via IX novembre, a pochi metri dall'ufficio postale di Fonte Nuova, poi contro un albero, prima di ribaltarsi diverse volte lungo l'asfalto.

Delle cinque vittime, 4 sono morte sul colpo, mentre una delle due ragazze coinvolte è deceduta alle prime luci dell'alba al Policlinico Umberto I di Roma, dove era stata trasportata d'urgenza dal personale del 118, giunto immediatamente sul posto per prestare i soccorsi.

Inchiesta e sequestro dell'auto

L'automobile è stata posta sotto sequestro dalla procura di Tivoli, mentre la strada è rimasta chiusa in entrambi i sensi di marcia per diverse ore, per consentire ai soccorritori di effettuare le operazioni di rito. I ragazzi, secondo quanto si è appreso, sarebbero stati tutti residenti nella cittadina della provincia di Roma.

La procura di Tivoli ha aperto un fascicolo con l'indagine che, al momento, è a carico di ignoti. Gli accertamenti sono stati delegati ai carabinieri

16 anni fa un'analoga tragedia

La tragedia di questa notte lungo la strada provinciale Nomentana ha riportato alla memoria dei residenti di Tor Lupara, frazione del Comune di Fonte Nuova dove è avvenuto lo schianto, una tragedia analoga consumatasi nella notte del 22 maggio 2007 e nei giorni successivi. Con modalità incredibilmente simili. In quella notte, infatti, un'automobile con a bordo 5 ragazzi giovanissimi che tornavano a casa dopo una serata trascorsa insieme, perse improvvisamente aderenza con l'asfalto mentre viaggiava sempre nel tratto della Nomentana che attraversa l'abitato di Tor Lupara, nello stesso senso di marcia dell'auto schiantatasi questa notte, ma un chilometro e mezzo più indietro.

L'utilitaria andò a sbattere violentemente contro un platano situato sul lato della carreggiata opposta. Nello schianto morì sul colpo Veronica Gnisci, che all'epoca non aveva ancora compiuto 18 anni. Gli altri ragazzi morirono negli ospedali dove furono ricoverati d'urgenza: Mirko Petricone (19 anni) al Policlinico Umberto I e Simone Falchi (19 anni) all'ospedale Sandro Pertini di Roma, qualche ora dopo l'incidente; Emanuele Manili, pure lui 17enne all'epoca, fu dichiarato cerebralmente morto il giorno seguente, mentre il quinto ragazzo, Fabio Volpe, che nel 2007 aveva 19 anni, morì all'ospedale Sant'Andrea alcuni giorni dopo l'incidente.

Gli accertamenti autoptici effettuati sulle salme e i rilievi dei carabinieri sul luogo dell'incidente appurarono che i giovani non avevano consumato alcol durante la serata, lasciando ipotizzare un colpo di sonno dovuto all'ora notturna, oppure una manovra improvvisa del conducente per cercare di evitare un ostacolo apparso improvvisamente lungo la strada. AGI

Read 595 times

Utenti Online

Abbiamo 910 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine