ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 02 Gennaio 2024 06:49

Sono 274 i feriti per i botti di Capodanno. Donna uccisa a Napoli da un proiettile vagante

Written by  Stefano Barricelli
Rate this item
(0 votes)
Fuochi d'artificio illegali sequestrati a Napoli Fuochi d'artificio illegali sequestrati a Napoli

In pericolo di vita un'altra donna raggiunta da uno sparo nel Napoletano. I dati del Dipartimento della pubblica sicurezza mostrano un aumento del 52% delle lesioni, dovute in 262 casi ai fuochi d'artificio e in altri 12 ad armi da fuoco. 

È pesante il bilancio dei 'botti di Capodanno' elaborato dal Dipartimento della pubblica sicurezza. Una donna di 45 anni di Afragola (Napoli), raggiunta alla tempia da un proiettile vagante nel corso dei festeggiamenti, è morta in ospedale mentre i feriti sono stati in tutto 274 (di cui 12 dovuti all'uso di armi da fuoco e 262 da fuochi d'artificio), il 52% in più rispetto ai 180 dello scorso anno. I ricoverati di quest'anno sono 49 (un anno fa erano stati 48).

In aumento anche i feriti gravi: ci sono stati 2 casi con prognosi superiore ai quaranta giorni, per ferita d'arma da fuoco, rispetto a un caso dell'anno precedente; mentre sono stati 25 i casi, con prognosi superiore ai quaranta giorni, dovuti ai fuochi d'artificio, rispetto ai 10 casi dell'anno precedente. La proiezione dei dati sui feriti lievi fa registrare lo stesso dato dello scorso anno ovvero 10 casi con prognosi inferiore o uguale ai quaranta giorni, per ferita d'arma da fuoco, mentre dai 159 casi con prognosi inferiore o uguale ai quaranta giorni, dovuti ai fuochi d'artificio, si è passati agli attuali 232 casi. 

Partito dall'interno dell'appartamento lo sparo che ha ucciso una donna ad Afragola

Da ulteriori accertamenti dei carabinieri, coordinati dalla procura di Napoli Nord, sembrerebbe che il colpo esploso che ha ucciso la 45 enne di Afragola sia partito dall'interno dell'appartamento. È stato rinvenuto e sequestrato un proiettile calibro 380 che era nell'abitazione. Le indagini proseguono e sono ancora in corso. La donna lascia un marito e due figli maggiorenni. Erano ad Afragola in vacanza dalla loro famiglia perchè vivino a Pantigliano.

Crescono anche i feriti tra i minori

I minori che hanno subito lesioni conseguenti ai 'botti di Capodanno' quest'anno sono stati 64 a fronte dei 50 dello scorso anno (+28%), si legge ancora nel rapporto del Dipartimento della pubblica sicurezza, che sottolinea come ancora una volta "gli episodi più gravi devono essere ricondotti all'uso scorretto di prodotti pirotecnici illegali". 

Nel dicembre 2023 l'attività di contrasto al fenomeno dei 'botti di Capodanno' ha portato alla denuncia di 304 persone, l'11,3% in più rispetto alle 273 dello scorso anno, e all'arresto di 50, il 42,8% in più rispetto alle 35 del dicembre 2022, emerge poi dai dati del Dipartimento.

Nel materiale complessivamente sequestrato sempre nel mese di dicembre figurano 473 lanciarazzi (583 lo scorso anno); 7 armi comuni da sparo (8 lo scorso anno); 836 kg di polvere da sparo (1.818 lo scorso anno); 12.490 kg di manufatti appartenenti alla IV e V categoria del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (37.108 lo scorso anno); 41.755 kg di manufatti recanti la marcatura "CE" (26.246 lo scorso anno); 3.475 kg di prodotti comunque non riconosciuti e cioè non ricompresi nelle categorie precedenti perchè illegali, non correttamente etichettati, non conformi alle norme CE, non rispondenti ai decreti di riconoscimento e classificazione, abusivi e/o altro (9.866 lo scorso anno); 156.085 pezzi di articoli pirotecnici di varia natura; 186 detonatori.

Tra i motivi principali dei sequestri l'illecita detenzione da parte di chi non ne aveva titolo; la natura illegale degli stessi prodotti sequestrati, dovuta a mancanza di marcatura CE; l'eccedenza dei carichi detenuti dai titolari delle licenze. I controlli preventivi operati dalle forze dell'ordine a dicembre hanno riguardato 4.466 esercizi in tutta Italia, 180 dei quali sanzionati. 

Spari e mani amputate, i casi più gravi

I 27 feriti gravi presentano traumi alle mani e al volto, lesioni agli occhi, fratture e/o amputazioni di mani e dita. A Napoli è stata raggiunta da un colpo d'arma da fuoco al fianco un'altra donna di 50 anni, a Napoli, mentre assisteva ai festeggiamenti sul balcone di casa: risulta in prognosi riservata e in pericolo di vita. Ferito da un proiettile mentre era in strada, sempre a Napoli, anche un cittadino algerino di 50 anni: anche per lui prognosi riservata.

A Foggia un 47enne ha riportato l'amputazione di alcune dita e ustioni di secondo grado a seguito dell'esplosione di un petardo. Mano amputata, ancora nel capoluogo pugliese, per un 17enne, investito dallo scoppio di un petardo artigianale. 

A Grosseto l'esplosione di un petardo nel corso di festeggiamenti all'aperto ha ferito tre minorenni: il più grave è un 15enne che lamenta la quasi totale amputazione della mano sinistra ed escoriazioni al viso e al torace. A Milano almeno due episodi gravi: un 18enne egiziano ha perso le dita di entrambe le mani a seguito dell'esplosione di un artificio pirotecnico mentre un 36enne è stato ricoverato in prognosi riservata con ustioni di terzo grado a mani e volto, per aver maneggiato polvere pirica nel tentativo di creare un botto artigianale.

A Siena un 15enne è stato trasportato con urgenza all'ospedale di Careggi di Firenze per le gravi lesioni riportate a una mano a seguito dello scoppio di un petardo avvenuto a Poggibonsi: la prognosi è riservata. A Latina tre minori di 15, 10 e 6 nel corso dei festeggiamenti nel giardino della propria abitazione a Terracina nell'accendere una batteria di fuochi d'artificio hanno rimediato ferite al volto a alle gambe giudicate guaribili rispettivamente in 30, 15 e 10 giorni. A Pacentro (L'Aquila), un romano di 20 anni, mentre si trovava in compagnia di amici, è rimasto ferito alla mano destra dall'esplosione di un petardo: trasportato all'Ospedale di Sulmona è stato sottoposto ad intervento chirurgico per la ricostruzione dell'arto.

A Varese mano destra amputata e lesioni ad un occhio per un 17enne mentre a Trento un moldavo di 23 anni ha perso la mano sinistra a seguito dell'esplosione di un petardo cosidetto "cipolla". A Lucca un 15enne ha perso pollice e indice della mano nell'utilizzo di un petardo. AGI

Read 531 times

Utenti Online

Abbiamo 928 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine