ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 05 Gennaio 2024 18:50

Le tensioni tra Venezuela e Stati Uniti potrebbero rinascere a causa del sequestro dell'aereo Emtrasur

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La confisca delle attrezzature aeronautiche potrebbe generare conflitti nel mezzo dei negoziati tra le due nazioni. Tuttavia gli esperti dubitano che il capitolo del dialogo possa essere chiuso sulla base di questa situazione, a causa dell'esistenza di interessi maggiori.

Il governo di Nicolás Maduro ha ricevuto un altro duro colpo nella sua politica internazionale dopo che il giudice federale argentino Federico Vellan ha deciso di consegnare agli Stati Uniti l'aereo della compagnia di trasporti Aerocargo del Sur (Emtrasur), detenuto dal giugno 2022 nel paese meridionale da indagini terroristiche . Mercoledì il Ministero degli Esteri venezuelano ha avvertito che qualsiasi tentativo di effettuare il sequestro dell'aereo iraniano-venezuelano sarà considerato un "atto ostile" contro gli interessi del Paese. Questo giovedì Emtrasur, che opera come filiale della compagnia aerea statale Conviasa, ha rilasciato una dichiarazione condivisa da diverse piattaforme del governo nazionale, in cui ha assicurato che le azioni legali che potrebbero essere applicate nel caso saranno taciute. "Emtrasur si riserva il diritto di intraprendere azioni legali per danni al patrimonio della Società, violazione dei diritti umani e della Convenzione sull'aviazione civile internazionale", esprimono dopo aver chiesto alla comunità dei paesi di astenersi dal consentire il sorvolo e l'eventuale scalo tecnico di questa aereo. La confisca di equipaggiamenti aeronautici su richiesta degli Stati Uniti, approvata mercoledì dal giudice federale argentino, potrebbe generare conflitti nel bel mezzo dei negoziati tra il paese anglosassone e il Venezuela, in un momento in cui i colloqui sembrano essere in corso fruttuoso.

Iniziano le tensioni Il sequestro "potrebbe riaccendere le tensioni" tra le due nazioni, come ha affermato il politologo Jorge Morán, professore universitario, nel corso di una conversazione con Versione Finale. "Maduro ha rilasciato dichiarazioni molto dure contro Milei e questa questione dell'aereo cercherà di collegarlo alla narrativa nazionalista", dice. Il politologo non esclude che il partito al potere possa applicare una strategia di "brinkmanship", che in spagnolo si riferisce alla "pratica di perseguire una politica pericolosa fino ai limiti della sicurezza prima di fermarsi", una misura che in precedenza avrebbe prodotto risultati. Morán, pur escludendo che il dialogo binazionale possa rompersi, assicura che "la possibilità che il governo venezuelano prenda misure radicali è sempre latente". Non lo vedo come un caso simile a quello di Essequibo, dove puoi essere etichettato come traditore della patria. Ciò che potrebbe accadere è che il governo, in risposta, eserciti maggiore pressione sulla persecuzione degli oppositori", indica. strategia degli ostaggi Da parte sua, il politologo Julio Urribarrí afferma di avere fiducia nella diplomazia internazionale e ritiene che questo elemento non verrà utilizzato per generare un nuovo conflitto con il paese anglosassone. Tuttavia, sottolinea che si tratta di una situazione di "ostaggio", in cui l'aereo verrebbe utilizzato come tale. Oserei dire che siamo di fronte ad una situazione di ostaggi. "Questo conflitto potrebbe diventare più intenso; l'aereo entra come un altro elemento sul tavolo delle trattative", dice. Urribarrí spiega che dubita che il caso Emtrasur abbia una portata maggiore, di fronte a negoziati che mirano ad aumentare gli scambi economici e migliorare le condizioni per le elezioni del 2024. "Questa è una situazione inaspettata, una situazione fortuita che non appartiene alle Barbados ordine del giorno. «Tutti gli elementi sopravvenuti che non si trovano all'interno dell'agenzia delle Barbados possono essere presi come elementi di una disposizione al dialogo. Barbados è un’agenda più alta che ci costringe ad essere d’accordo”, determina. Per il politologo, in questo momento ci sono interessi di maggiore rilevanza che impediscono la cessazione dei colloqui, nonostante qualsiasi conflitto o minaccia che possa sorgere.

Read 708 times

Utenti Online

Abbiamo 978 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine