ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 16 Settembre 2016 08:42

Parma - Una scuola nuova e bella per il quartiere Pablo

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La campanella della Scuola Elementare Racagni è tornata a suonare questa mattina per i suoi bambini: una scuola tutta nuova, costruita con criteri d'avanguadia e punto di riferimento per il quartiere.

Festa grande per alunni, genitori, insegnanti e personale della scuola elementare "Paolo Racagni", che, dopo 4 anni "fuori sede" hanno potuto sentire  di nuovo il suono della campanella nel loro quartiere, in una scuola nuova di zecca, costruita con criteri di avanguardia, sicura, al riparo dai rischi di eventi sismici, "risparmiosa" dal punto di vista energetico, attrezzata di tutto punto, e con una vera e propria piazza circolare coperta, una sorta di luminosa Agorà che sembra fatta apposta per incontrarsi e socializzare, attorno alla quale ruota  il complesso scolastico con aule, laboratori, mensa, cucina, palestra, auditorio e molto altro ancora.

La struttura non sarà solo un edificio scolastico, ma un luogo al servizio di un quartiere popolare che tiene molto alla sua identità e che nella scuola si riconosce da sempre. Concetto, questo, sottolineato anche da don Rocco Di Bello, che, benedicendo "una scuola buona" nell'ultimo giorno del suo ministero sacerdotale in Santa Maria della Pace, l'ha definita "un momento di crescita del quartiere, di  di aggregazione e accoglienza per tutti".Dopo il taglio del nastro, le autorità si sono affacciate all'interno del grande atrio circolare, dove sono state accolte da un interminabile applauso dei bambini entusiasti di festeggiare la loro nuova scuola, che hanno intonato un canto di benvenuto.

"Oggi - ha affermato il sindaco Federico Pizzarotti - non solo inauguriamo un nuovo edificio scolastico, ma si ricuce finalmente uno strappo subito dal quartiere quando venne chiusa la vecchia scuola quattro anni fa. La nuova Racagni - ha detto ancora Pizzarotti - è una scuola sicura, costruita con sistemi antisismici, quasi passiva dal punto di vista del consumo energetico.E vuole essere anche un punto d'arrivo importante in una legislatura in cui abbiamo investito molto sulle scuole, indicate come priorità assoluta, come dimostrano l'eliminazione dell'amianto e tutti gli interventi realizzati e in atto per mettere i ragazzi in sicurezza. Oggi - ha concluso rivolgendosi ai bambini - vi trovate in un contesto più bello e più sicuro, con persone che hanno a cuore il vostro futuro".

"E' un risultato bellissimo - ha commentato Nicoletta Paci, vicesindaco con delega ai servizi educativi  - il risultato del lavoro di una comunità unita, ottenuto anche grazie all'impegno dei nostri servizi educativi e che verrà arricchito dal sostegno ai progetti  in materia di ristorazione, di lingue e culture nel mondo e degli altri progetti proposti dalla scuola, che potrete realizzare in un ambiente caldo e accogliente nel vostro quartiere".

E' apparso commosso l'assessore ai lavori pubblici Michele Alinovi: "Questa scuola - ha detto - è stata fortemente voluta. E' bella, grande, una piazza virtuale aperta ad un quartiere multietnico. L'edificio - ha sottolineato - è tecnicamente ineccepibile, tanto che ha meritato una prestigiosa certificazione europea. Per noi la Racagni è un fiore all'occhiello. Siamo riusciti a superare tutte le difficoltà incontrate lungo il percorso anche grazie alla pazienza e alla perseveranza di genitori e organismi scolastici, e ai bambini che ci regalano oggi gioia con il loro sorriso. Sindaco e assessori passano, ma i bambini restano e costruiranno in questo luogo il loro futuro. Ora - ha concluso Alinovi - dobbiamo darci da fare per costruire la Biblioteca di Alice, mantenendo la promessa fatta".

Il progettista Gianluca Perottoni ha definito "quasi miracolosi" i tempi in cui si è arrivati a concludere l'opera, che è "molto più di una scuola, è un civic center, costruito con criteri innovativi, prevalentemente in legno con un robusto "cappotto", con 5.000 metri quadrati di superficie, la metà di un campo da calcio". Grande la soddisfazione delle autorità scolastiche.

Il dirigente dell'Ufficio Scolastico Territoriale Maurizio Bocedi  ha definito la scuola "straordinaria" ed ha invitato i ragazzi a "rispettare spazi e ambiente  come primo loro contributo di cittadinanza attiva".

La dirigente scolastica Lucia Ruvidi, emozionatissima, ha sottolineato quanto sia stato importante "tenere unita la scuola Racagni in tutte le sue componenti in questi 4 anni di esilio purtroppo necessario". Vedere attorno a me un quartiere che ha un'anima e una comunità felice - ha concluso - è fonte di enorme soddisfazione".

La cerimonia si è conclusa con l'annuncio degli Alpini che nel maggio prossimo doneranno alla scuola la bandiera che porta il nome di Paolo Racagni nel centenario della morte, "unico alpino di Parma decorato con medaglia d'Oro al valor militare e giustamente celebrato con la dedica di questa scuola".

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1593 times

Utenti Online

Abbiamo 814 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine