ANNO XII  Agosto 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Le coste settentrionali del Sudamerica nell’ultimo anno sono state invase da una nuova ondata di pirateria, mercenari di armi, droghe, animali esotici e persino donne. In un anno, 71 episodi. È emergenza in Venezuela

Le autorità brasiliane hanno sequestrato oltre una tonnellata di cocaina scoperta nella nave "Grande Francia", battente bandiera italiana e registrata nel porto di Palermo.

Lima (Perù) - La mattina di venerdì è stato trovato senza vita, legato e "con segni di violenze", nella comunità indigena amazzonica di Yamakentsa, il corpo di padre Carlos Riudavets Montes, sacerdote spagnolo della Compagnia di Gesù di 73 anni…
La vittoria della Chiesa?

Caracas (Venezuela) - Secondo il presidente venezuelano è Julio Borges, leader dell'opposizione ed ex presidente del Parlamento ora in esilio in Colombia, il responsabile del fallito attentato con i droni messo a segno sabato 4 agosto contro lo stesso Nicolás Maduro durante una celebrazione militare. I terroristi sono stati addestrati in Colombia, "nel nord di Santander", ha affermato Maduro, il quale ha fatto riferimento anche ad alcune accuse arrivate dai sospetti arrestati. I pubblici ministeri hanno riferito, infatti, di aver arrestato sei persone accusate di tradimento, tentato omicidio e terrorismo.

L’America del Sud, Venezuela compresa, NON è stata assegnata a Merlo, bensì a Picchi. Sarà lui il nostro sottosegretario. Merlo resta invece responsabile per gli italiani nel mondo, quale sottosegretario.

Bogotà (Colombia) - Con una cerimonia fra l'hollywoodiano, l'etnico e il kitsch la piazza Bolivar, nel cuore di Bogotà, ha visto la celebrazione della cerimonia d'insediamento del neo presidente Ivan Duque che succede a Juan Manuel Santos. Un parterre con…

In un paesi in cui non ci sono fonti indipendenti, anche l'attentato in diretta Tv al presidente Maduro diventa un mistero. Mancano immagini chiare, le versioni ufficiali sono discordanti. E però al regime serve, per passare dalla parte della vittima e nascondere i suoi disastri.

Caracas (Venezuela) - L'attacco che il Presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha denunciato durante una parata militare a Caracas in seguito a diverse esplosioni lascia più domande che risposte. L'informazione, per il momento scarsa, sulla paternità dell'attentato, sulle armi usate o sui feriti ha portato a mettere in dubbio persino la veridicità dell'attacco, così come suggerisce l'opposizione al regime venezuelano.
Questi sono alcuni dei dati che sono noti al momento e alcuni dei dubbi che rimangono da risolvere.

Presidente incolume, 7 feriti. Usati droni esplosivi. Il presidente attribuisce l'attacco all'estrema destra in collaborazione con 'cospiratori' a Bogotà e Miami. La rivendicazione arriva da un piccolo gruppo, 'Soldati in t-shirts'

Le Vignette di Paolo Piccione

Mamma e papà!!!

 

Utenti Online

Abbiamo 1458 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa