ANNO XI  Febbraio 2017.  Direttore Umberto Calabrese

 

Caracas (Venezuela) – Nessun rappresentante della Chiesa cattolica in Venezuela parteciperà alla tavola rotonda per il dialogo tra il governo e l'opposizione, fino a quando non sarà attivato il percorso elettorale annunciato lo scorso anno e che fino ad oggi non è stato iniziato dal Consiglio Nazionale Elettorale.

La Commissione Elettorale dell’Ecuador ha ufficializzato i risultati del primo turno delle presidenziali e confermato il ballottaggio che si terrà in aprile.
Le elezioni presidenziali in Ecuador non hanno ancora un vincitore. Occorreranno almeno 24 ore per sapere se il candidato socialista, Lenin Moreno, ha vinto al primo turno o ci sarà bisogno del ballottaggio.
Bogotà (Colombia) - Con l’arrivo dell’ultimo gruppo di 300 combattenti delle Farc nelle “zone di pace”, inizia il processo di smobilitazione della guerriglia marxista, in base agli accordi firmati il 24 novembre scorso.
Il candidato del partito di maggioranza Lenin Moreno è in netto vantaggio alle elezioni presidenziali che si sono svolte domenica in Ecuador.
"Il Brasile non risulta sino ad oggi aver ratificato l’accordo in quanto apparirebbe necessario un passaggio parlamentare": è quanto ha riferito oggi alla Camera dei Deputati il sottosegretario agli Affari Esteri, Benedetto Della Vedova, in risposta alla interrogazione urgente presentata…
Ho il piacere di comunicarvi che il Garante privacy ha dato il via libera all'introduzione di alcune modifiche nella procedura di rilascio del passaporto elettronico per gli italiani residenti all'estero.

Caracas (Venezuela) - Puntano a ricorrere agli organismi sovranazionali di giustizia, i sostenitori del leader venezuelano dell’opposizione Leopoldo Lopez, condannato a 14 anni di carcere.

Caracas (Venezuela) - Stati Uniti e Venezuela in rotta di collisione diplomatica. Si aggrava ulteriormente la crisi innescata tra i due Paesi dopo le sanzioni applicate al Vicepresidente venezuelano Tareck El Aissami, accusato di narcotraffico.

Caracas (Venezuela) - Il Presidente venezuelano Nicolas Maduro esige le scuse degli Stati Uniti. All’indomani delle sanzioni varate da Washington contro il Vicepresidente del Venezuela Tareck El Aissami, accusato d’avere un ruolo di primo piano nel narcotraffico a livello internazionale, Maduro ha tuonato contro Washington.

Le Vignette satiriche di Paolo Piccione

Nuovo soggetto politico

Utenti Online

Abbiamo 1072 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine