ANNO XIV Giugno 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 11 Maggio 2020 04:10

Nelle mani del MES, mezzo imbroglio

I fatti sono questi e ognuno può verificarli senza farsi imbambolare da interpretazioni segnate o da malafede o superficialismo.

Published in Economia & Finanza

Il Commissario Ue all'Economia in un'intervista a Repubblica: 'L'Europa è più forte, sconfitti tabù e nazionalismi'. il presidente del Parlamento europeo: 'Se ne discute solo in Italia.

Published in Economia & Finanza

Il ministro in audizione in Senato: "Vigileremo che i documenti finali siano in linea con l'elemento dell'assenza di condizionalità". Intanto, l'Italia ha candidato Padoan alla presidenza della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo

Published in Economia & Finanza

Al Parlamento Ue Lega e FI votano contro i Coronabond chiesti dal governo italiano. Pd: 'Il loro voto determinante nel bocciare l'emendamento'. Sul Mes i 5S annunciano l'astensione

Published in Nazionale

Il ministro degli Esteri in audizione congiunta Camera-Senato sul coronavirus: 'Servono strumenti nuovi e dimostrare nei fatti la solidarietà'. Su Fb: 'Scuse dell'Ue all'Italia importante atto di verità. Ora serve un'Europa più solidale, abbia coraggio nelle decisioni'. Mes, Salvini: "Fuori legge chi tratta in Ue senza voto Parlamento"

Published in Economia & Finanza

Anche la Lega accusa: 'Dal governo un bavaglio al Parlamento'

Published in Nazionale

Consiglio europeo il 23 aprile. Conte: 'La mia posizione non è mai cambiata e mai cambierà.  Berlusconi: 'Un compromesso al ribasso ma Ue si muove'. Von der Leyen: 'Dall'Eurogruppo un risultato cruciale'. Gualtieri: 'Servono 1.500 miliardi. Mes il voto favorevole di Palazzo Madama è arrivato poi il 12 luglio 2012, mentre l’approvazione definitiva è stata data dalla Camera una settimana dopo, il 19 luglio 2012. All’epoca era in carica il governo tecnico di Mario Monti. Lega voto contro e Giorgia Meloni era assente.

Published in Nazionale

Al duro intervento sul Mes del presidente del Consiglio hanno risposto a stretto giro sia Giorgia Meloni che Matteo Salvini. Entrambi hanno criticato i i tempi e i modi utilizzati dal premier e invocato l'intervento di Mattarella.

Published in Attualità

Da quanti anni se ne parla? Abbiamo ricostruito la sua vicenda e come si è arrivati al dibattito di oggi. Il voto favorevole di Palazzo Madama è arrivato poi il 12 luglio 2012, mentre l’approvazione definitiva è stata data dalla Camera una settimana dopo, il 19 luglio 2012. All’epoca era in carica il governo tecnico di Mario Monti. A Montecitorio, il via libera alla ratifica è stato dato con 325 voti favorevoli, 53 contrari, 36 astenuti e 214 assenti. Tutti i 168 deputati del Partito democratico presenti votarono a favore, così come 83 parlamentari del Popolo della libertà, 30 dell’Unione di Centro e 14 di Futuro e libertà. La Lega (con Roberto Maroni segretario) fu l’unica a votare contro (51 no), insieme a due voti ribelli all’interno del Pdl (Guido Crosetto e Lino Miserotti). Il giorno della votazione, la futura leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, all’epoca deputata del Popolo della libertà, era invece assente.

Published in Economia & Finanza

Sassoli: vince la fiducia nell'Europa. Gentiloni: 'Misure senza precedenti'. Gualtieri: 'Pacchetto Ue ambizioso, Italia determinata'. Mes incondizionato per la sanità. Salvini: "Una Caporetto, sfiducia a Gualtieri".

Published in Nazionale

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 803 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa