ANNO XII  Giugno 2018.  Direttore Umberto Calabrese

E' scontro tra Francia e Italia sulla vicenda della nave Aquarius. Emmanuel Macron parla di "irresponsabilità e cinismo" e Palazzo Chigi reagisce: "L'Italia non può accettare lezioni ipocrite". Al punto che è in bilico il vertice di venerdì a Parigi tra il presidente francese e il premier Giuseppe Conte. "Per ora l'incontro resta confermato, ma c'è grande irritazione" per le parole arrivate dalla Francia, fanno sapere fonti governative, non escludendo che, da qui alle prossime ore, l'incontro possa persino saltare. Mentre Madrid avverte il nostro Paese sul "rischio di responsabilità penali".

Published in Attualità

L'Aquarius sarà accolta dalla Spagna a Valencia. Il primo ministro socialista Pedro Sanchez ha annunciato che il suo Paese permetterà alla nave con oltre 600 migranti a bordo di attraccare a Valencia. "E' nostro obbligo aiutare ad evitare una catastrofe umanitaria e offrire un porto sicuro a queste persone", ha detto il premier Sanchez.

Published in Nazionale

Come hanno spiegato il cancelliere Sebastian Kurz e il ministro degli Interni Herbert Kickl, i capi religiosi dell'associazione Atib sono accusati di finanziamenti illeciti dall'estero e di violazione della legge austriaca sull'islam.

Published in Attualità

Sarà ricordato come il vertice più teso di sempre, dalla Russia ai dazi, dal clima all'Iran. Il presidente del Consiglio Ue Tusk: "Trump sfida l'ordine mondiale"

Published in Estera

Sulla questione migranti oggi, interviene anche il presidente francese: "Il nostro auspicio è di continuare il dialogo con l'Italia, nessun Paese può trovare una soluzione da solo, né isolarsi", dice Emmanuel Macron annunciando che ne parlerà con il premier Giuseppe Conte al G7 in Canada.

Published in Attualità

n un'intervista parla di sicurezza delle frontiere, migranti e politiche di asilo e dice: "Sono la vera questione esistenziale per l'Europa". Presentata, per la prima volta una proposta di riforma dell'Unione

 

Published in Attualità
Venerdì, 01 Giugno 2018 05:54

Acque reflue, maxi-multa Ue all'Italia

Ben 74 agglomerati urbani, sparsi in 18 regioni d'Italia, continuano a non rispettare le norme Ue sulle acque reflue, perché o non hanno le fogne, oppure non hanno i depuratori a norma. Per questo, dopo molti anni di inadempienza (la scadenza era il 31 dicembre del 2000, cioè quasi diciotto anni fa), la Corte di Giustizia dell'Ue ha condannato l'Italia a pagare una multa forfettaria di 25 milioni di euro, cui si aggiungono 30 milioni per ogni semestre di ritardo nell'adeguarsi alle norme in materia di raccolta e di trattamento delle acque reflue urbane.

Published in News Ambiente

In fondo a un fiume si può trovare di tutto, anche una bicicletta.

Published in News Ambiente

La bufera è scoppiata martedì mattina quando il commissiario europeo per il bilancio e le risorse umane Günther Oettinger, tedesco, in un'intervista alla tv Deutsche Welle ha detto "mi aspetto che nelle prossime settimane i mercati, i i titoli di stato e l'economia italiana possano essere così drasticamente impattati da dare un segnale agli elettori: che non votino più i populisti né di destra né di sinistra.

 
Published in Economia & Finanza

Stop a cotton fioc, posate, piatti e cannucce in plastica; raccolta del 90% delle bottiglie di plastica monouso per bevande entro il 2025; etichettatura per alcuni prodotti, come assorbenti e salviette umidificate, con informazioni sullo smaltimento. La Commissione europea ha proposto oggi nuove norme per i 10 prodotti di plastica monouso che più inquinano le spiagge e i mari d'Europa e per gli attrezzi da pesca perduti e abbandonati, prodotti che insieme rappresentano il 70% dei rifiuti marini. E' quanto rende noto l'esecutivo Ue in una nota.

Published in News Ambiente

Le Vignette di Paolo Piccione

Riders: spiragli di tutela per questi “liberi professionisti”?

 

Utenti Online

Abbiamo 1503 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa