ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

"Dalla mia ultima audizione davanti a questa commissione lo slancio della zona euro è rallentato significativamente, più di quanto avevamo anticipato. Il Pil è ora previsto a 1,1% nel 2019, meno 0,6 punti dalle proiezioni di dicembre, e 1,2% nel 2020, meno 0,5 punti da dicembre": lo ha detto il presidente della Bce Mario Draghi nella sua ultima audizione al Parlamento Ue. Debolezza del commercio internazionale, incertezza legata al protezionismo sono i fattori principali, secondo Draghi.

Published in Economia & Finanza

"Il segnale della Ue deve essere chiaro: non ci lasciamo ricattare dal governo italiano". Lo dice l'ex presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, in una intervista anticipata dal sito di Der Spiegel e che sará pubblicata oggi.

Published in Estera

Il sistema che regola i flussi di denaro nell' ha, di fatto, indebitato le banche centrali dei Paesi più fragili (come l'Italia) con quelle dei più solidi (come la Germania). Come recuperare quei soldi se un Paese esce dall'euro?

Published in Economia & Finanza

Gira al rallentatore il motore dell’economia del Vecchio Continente. A confermarlo i dati dell’indice Pmi composito dell’area euro, che monitorano l’andamento dei settori del manifatturiero e dei servizi.

Published in Economia & Finanza

L’economia italiana è in stagnazione. Lo confermano i dati relativi al secondo trimestre 2016 resi noti dall’Istat. Il PIL è rimasto invariato rispetto ai primi tre mesi dell’anno.

Published in Economia & Finanza

NEW YORK (WSI) – Gli economisti del gigante finanziario americano JP Morgan lo dicono senza troppi fronzoli ai governi europei: “Dovete liberarvi delle vostre costituzioni sinistroide e anti fasciste”.

Published in Economia & Finanza

Utenti Online

Abbiamo 1144 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine