ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 21 Giugno 2018 13:24

Nicaragua: guerriglia e morti nella città simbolo dei sandinisti

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nicaragua, strage senza fine

Continuano gli scontri in Nicaragua, uno dei paesi più poveri al mondo.

Dopo Managua, ora le proteste sono concentrate soprattutto nella città di Masaya, simbolo della ribellione sandinista contro la dittatura di Somoza. Era la fine degli anni '70.

Anche il presente, però, è funesto. Bilancio degli scontri di martedì e mercoledì: sei morti e oltre trenta feriti.

Dal 18 aprile, giorno di inizio delle proteste contro la pesante riforma delle pensioni decisa dal governo del presidente Daniel Ortega, il Nicaragua sta vivendo un sanguinoso periodo di crisi sociale e politica.

Finora sono stati 184 i morti nelle manifestazioni di protesta.

REUTERS/Andres Martinez Caseres
La sofferenza del popolo nicaraguense. 

Ortega, allora e adesso

Gli scontri si sono verificati il giorno dopo che i manifestanti hanno dichiarato Masaya "territorio libero dal dittatore", riferendosi al presidente del Nicaragua, Ortega, già leader del Frente Sandinista di Liberacion Nacional e Presidente del Nicaragua dal 1979 al 1990 e poi nuovamente dal 2007 ad oggi.

Titolo di un giornale locale: "Ortega ordina la sua furia su Masaya".

L'Associazione per i diritti umani del Nicaragua ha denunciato l'intervento a Masaya condotto da forze di polizia, unite a paramilitari e cecchini.

Il governo del Nicaragua - in particolare la vice presidente Rosario Murillo - descrive le proteste come "atti terroristici" e accusa il "crimine organizzato" di voler attaccare il paese.

Negoziati di pace interrotti

Gli Stati Uniti, l'Unione europea e la Chiesa cattolica nicaraguense stanno cercando di mediare, finora senza successo, tra governo e manifestanti.

Interrotti, al momento, anche i negoziati di pace. ( - Euronews)

 

Sei arrivato fin qui Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Agoramagazine.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di agoramagazine.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino al giorno. Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 703 times

Utenti Online

Abbiamo 865 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine