ANNO XIV Dicembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 28 Luglio 2018 00:00

Le associazioni ambientaliste pressano Luigi Di Maio sull’Ilva

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Egregio sig. Ministro Luigi Di Maio, durante l’incontro avvenuto a Roma tra Lei e le associazioni tarantine, abbiamo con interesse ascoltato la Sua frase “sarete parte della decisione che prenderemo”.

L’ascolto delle associazioni del nostro territorio sulla questione ILVA rappresenta già più di quanto abbiano fatto i governi precedenti, Le diamo atto. Pochi giorni fa abbiamo appreso a mezzo stampa che Arcelor Mittal ha presentato delle proposte migliorative con lo scopo di “mettere in atto il suo programma di turnaround nel più breve tempo possibile in modo da assicurare un futuro sostenibile per Ilva, i suoi lavoratori, i suoi fornitori, i suoi clienti industriali e, nello stesso tempo, la tutela dell'ambiente e il benessere delle comunità locali”.

Premesso che è nostra ferma convinzione che l’unico futuro possibile che garantisca, nello stesso tempo, tutela dell’ambiente, della salute e del lavoro delle comunità locali sia rappresentato dalla chiusura dello stabilimento affiancata da un programma di riconversione economica dell’area tarantina, Lei ha chiesto di avviare un procedimento amministrativo finalizzato all’eventuale annullamento in autotutela del decreto del 5 giugno 2017 di aggiudicazione della gara ma, nel contempo, incontrerà i vertici di Arcelor Mittal per proseguire il confronto sull’aggiornamento della loro proposta.

Sulla base delle Sue dichiarazioni e su quanto riportato dalla stampa, come associazioni del territorio chiediamo di essere, usando le Sue parole, parte della decisione che prenderà.

Le chiediamo dunque, di rendere pubbliche le proposte aggiuntive al piano ambientale, economico e sociale presentate da Arcelor Mittal per valutarle assieme, perchè si parla, appunto, del nostro futuro.

Le rinnoviamo, inoltre, con forza, l’invito a ripristinare la legalità attraverso l’eliminazione di ciò che riteniamo una grande offesa alla nostra comunità’, la garanzia dell’immunità penale che il precedente Governo ha riservato ai nuovi acquirenti.

Saremo al fianco di chi difende la salute pubblica così come ci opporremo a qualunque ipotesi che non la tuteli.

Attendiamo una Sua risposta e Le auguriamo buon lavoro.

Le associazioni:

LiberiAmo Taranto Tamburi Combattenti Associazione V.I.T.A.

Genitori tarantini

Associazione Progentes

Hermes Academy Onlus

Arcigay Strambopoli Taranto

Centro di Ascolto LGBTIQ+ di Taranto e provincia

CasArcobaleno Taras

Sportello Migranti Arcobaleno

Read 633 times

Utenti Online

Abbiamo 1274 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine