ANNO XIII  Maggio 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 18 Gennaio 2019 14:08

Autobomba Bogotà, saliti a 21 i morti Sono 68 i feriti.

Written by 
Rate this item
(0 votes)

E' di 21 morti e 68 feriti il nuovo bilancio dell'attentato realizzato ieri con un'autobomba nella Scuola nazionale di polizia 'General Santander' di Bogotà.


Lo ha reso noto oggi il comando centrale della polizia colombiana.
Tra le vittime, precisa un comunicato - c'è anche l'autore dell'attacco che era alla guida di un furgone che trasportava 100 chili di un esplosivo denominato pentolite.

Il presidente Ivan Duque ha decretato un lutto nazionale di tre giorni dopo l'attacco con un'autobomba alla principale accademia di polizia del paese, situata nella zona meridionale della capitale Bogotà.

Pesante bilancio

"Purtroppo, la valutazione preliminare è di 21 morti, tra cui l'autore dei fatti e 68 feriti", ha detto la polizia giovedì sera in una dichiarazione, affermando che 58 feriti avevano lasciato l'ospedale. Il precedente record ufficiale era di 11 morti e 65 feriti in un analogo attentato ancora ai tempi caldi del terrorismo generalizzato.

Un miserabile attacco terroristico

L'attacco è stato descritto come un "miserabile atto terroristico" dal capo dello stato, che da quando è salito al potere in agosto ha incrementato la lotta contro il traffico di droga.

Chi è il kamikaze

L'autore dell'attacco è stato identificato come José Aldemar Rojas Rodriguez entrato nel parco della scuola di polizia Francisco de Paula Santander alla guida di un furgone grigio carico di 80 chili di pentolite.

Forse Rojas Rodriguez è legato ai narcotrafficantgi che continuano la lotta armata e restano i più efferati nemici dello stato dopo la firma della pace fra lo Stato e le FARC che avrebbero chiuso la lunghissima stagione della guerriglia organizzata.

 

Read 322 times Last modified on Venerdì, 18 Gennaio 2019 14:27

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1360 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa