ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 18 Gennaio 2019 16:23

Taranto - Appelli per la manifestazione «Restiamo Umani» del 19 gennaio da Liviano e Italia in Comune

Written by 
Rate this item
(0 votes)
disegno di Roberto De Giorgi per Restiamo Umani disegno di Roberto De Giorgi per Restiamo Umani

Della manifestazione prevista per domani, sabato 19 gennaio, abbiamo dato notizia nei giorni scorsi con il comunicato stampa della Legambiente, oggi intervengonoi Gianni Liviano, consigliere regionale eletto a Taranto e "Italia in Comune". 

 Liviano partecipa a “Sicuri di restare umani”, la marcia contro il decreto sicurezza

…….

Domani parteciperò convintamente alla marcia Sicuri di restare umani organizzata da Campagna Welcome Taranto per protestare contro il decreto sicurezza, che non promuove dignità ma che, al contrario, la toglie alle persone che hanno intrapreso un percorso di integrazione, e contro le politiche del governo, tra cui la chiusura dei porti”.

A renderlo noto è il consigliere regionale del Gruppo Misto, Gianni Liviano.

L’obiettivo che va raggiunto - aggiunge Liviano - deve essere quello di costruire, insieme ai Comuni e agli altri rappresentanti istituzionali, un percorso per disapplicare il decreto sicurezza pensato da un governo dal quale ci attenderemmo parole e comportamenti mirati a costruire comunità, a far crescere unità. Invece, nelle parole del ministro Salvini si colgono odio, separazione, criminalizzazione delle diversità. Siamo di fronte - prosegue il consigliere regionale tarantino - a dinamiche che raccontano sempre di un noi contrapposto ad un voi. La centralità della persona, di ogni persona, l'accoglienza delle diversità, l'orizzonte di senso da condividere, stanno lasciando spazio, in maniera sempre più prepotente, ad un rallentamento nelle relazioni tra le persone, ad una dissoluzione dei rapporti, a solitudini diffuse. L'inclusività lascia il posto ad autoreferenzialità, la solidarietà tra gli umani ad egoismi crescenti. Siamo in un momento difficile: la forte incertezza economica e la paura del domani alimentano disagi e sofferenze. Le persone serie, quelle che ancora fanno politica non in funzione dei consensi e dei ruoli ma avendo in mente la centralità della persona e la cultura del servizio - conclude Liviano - non possono ora tacere. La passione educativa non può essere sopita, il desiderio di costruire una comunità di uomini e di donne giusta e solidale non può addormentarsi. Per tutti questi motivi nei giorni scorsi ho scritto al presidente della Regione, Michele Emiliano, perchè ricorra alla Consulta, in nome e per conto della Regione Puglia, avverso il decreto sicurezza, così come hanno già fatto altre Regioni ravvisandone alcuni passaggi di incostituzionalità”.

 

Italia in Comune aderisce al corteo provinciale contro il decreto sicurezza, Sicuri di restare umani, organizzata da Campagna Welcome Taranto e che si è celebrata in altre città italiane".

Ad annunciarlo è Rosario Orlando, coordinatore provinciale di Italia in Comune.

"Italia in Comune - spiega Orlando - non poteva non essere presente a questa iniziativa. Il decreto sicurezza, infatti, - prosegue Orlando - aumenterà il numero di irregolari presenti nel nostro Paese mettendo a rischio l'incolumità di molte persone".

Per questi motivi, ricorda Orlando, Italia in Comune ha lanciato una petizione da sottoscrivere in tutti i Consigli comunali "e che impegnava i sindaci a chiedere al governo la modifica del testo di legge, stralciando la riforma degli Sprar e aprendo un tavolo di concertazione con l'Anci al fine di valutare le ricadute in termini economici, sociali e sulla sicurezza dei territori. Partecipare al corteo di domani - conclude Orlando - vuol dire fare fronte comune contro un decreto che punta ad escludere dal cosiddetto circuito sano dell'accoglienza una miriade di persone per consegnarle alla strada e agli interessi malsani della

Read 434 times

Utenti Online

Abbiamo 1125 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine