ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 13 Agosto 2019 02:49

Di Maio: "La Lega pagherà la pugnalata alle spalle del Paese"

Written by 
Rate this item
(0 votes)

"Nessuno vuole sedersi al tavolo con Renzi", sottolinea il leader M5s, "vogliamo solo il taglio dei parlamentari"

 "Qui nessuno vuole sedersi al tavolo con Renzi". Lo dice Luigi Di Maio, capo politico M5s, in diretta Facebook. "Aperture, chiusure, mezze aperture... il Movimento 5 Stelle vuole una cosa: che si apra al taglio dei 345 parlamentari. Non ci sono giochi di palazzo da fare. Io sento di nuovi gruppi, ma i gruppi prima di costituirsi devono stare sulla scheda elettorale", osserva.

"Vedrete che questa pugnalata alle spalle del Paese dalla Lega verrà fatta pagare dagli italiani", ha proseguito Di Maio, "non stiamo parlando di un'azione qualsiasi, ma di aprire una crisi di governo, nel bel mezzo di agosto, trascinando l'Italia alle elezioni in autunno che non succedeva dal 1919. Giusto 100 anni. Tanta gente in Italia mi sta dicendo: andate avanti, hanno fatto una scorrettezza, hanno voltato le spalle al Paese".

"Bisogna andare al voto ma non vorrei si fraintendesse come un dover dire al presidente della Repubblica che cosa deve fare. È il presidente che decide come e quando si va al voto", ha proseguito Di Maio, ""dobbiamo avere piena fiducia nel presidente perché queste sono le sue prerogative".

"Ora il rischio assurdo dell'esercizio provvisorio"

"Siamo sempre stati persone corrette, con a cuore il bene dell'Italia. Quello che sta succedendo in questi giorni ha dell'incredibile. La Lega e Salvini hanno scelto di diventare sleali nei confronti del contratto di governo e quindi degli italiani che hanno problemi da risolvere", ha detto ancora Di Maio, "si è staccata la spina, non solo per una questione di consenso, ma perché stavamo arrivando al taglio delle concessione sulle autostrade, alla riforma della prescrizione, al momento in cui si faceva la riforma della giustizia, al taglio dei parlamentari".

Staccando la spina a questo governo la Lega "ha deciso di mettere a rischio l'Italia, le imprese, le famiglie. Se tutto va bene avremo un nuovo governo da inizio dicembre e non avrà il tempo di evitare aumento Iva, legge di Bilancio per confermare quota cento e tassazione a 15 per cento per le partite Iva, il reddito di cittadinanza... Andremo nel cosiddetto esercizio provvisorio che significa ragionare ogni mese dei soldi che hai per gestire l'ordinaria amministrazione. Un rischio assurdo, anche perché si sono presi la responsabilità di fare cadere un governo" che aveva "la maggioranza del gradimento degli italiani", ha notato.(agi)

Read 223 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1182 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa