ANNO XVI Agosto 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 01 Marzo 2020 03:12

Scene di ordinaria inciviltà a Pulsano Cassonetti incendiati. Angelo Di Lena chiede miglioramenti nel servizio di raccolta

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nella mattinata di sabato 29 Febbraio alcuni cassonetti dell'indifferenziato sono stati dati alle fiamme.I rifiuti all'interno e quelli accumulati sul marciapiede hanno preso fuoco in pochi minuti, sprigionando fiamme e fumo oltre a una puzza insopportabile che hanno danneggiato anche il muro di una abitazione.

Ad intervenire sul problema è il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena:

"L'incendio di sabato 29 Febbraio è stato domato dai vigili del fuoco intervenuti dopo la segnalazione dei residenti.

Ad oggi non è chiaro chi sia l’autore di questi atti di inciviltà.

Dispiace che accadono queste cose anche perché a ridosso del cassonetti ci sono spesso abitazioni e negozi e comprendo la preoccupazione e la rabbia tra i residenti per il fatto che l'incendio ha coinvolto anche materiali in plastica, come gli stessi sacchi neri.

Ma bisogna anche considerare un altro problema.

I cassonetti spesso sono insufficienti e la raccolta tardiva sicché i rifiuti restano spesso ammassati a terra anche per giorni e a volte prendono fuoco per una cicca buttata li.

È vero che ci sono anche dei vandali, ma il servizio di raccolta va potenziato.

Il comune deve fare di più.

Secondo me è indispensabile intervenire anche per sanificare i cassonetti che in alcuni punti emanano un odore pestilenziale.

Indubbiamente sono stati tanti anche gli incendi dolosi, ma non si possono criminalizzare i cittadini.

A tal proposito voglio evidenziare che l'incendio di ieri è stato appiccato in un momento in cui non ci sarebbero dovuti essere rifiuti all'interno dei cassonetti che invece vengono svuotati con ritardo.

Per quanto i residenti e commercianti della zona rispettano l'orario di conferimento dei rifiuti se questi non vengono puntualmente raccolti si creano problemi come questi. Occorre implementare i controlli sul territorio e attivare punti di videosorveglianza in zone sensibili come questa e non solo.

Non sono mancate le proposte da parte mia in questi anni tra cui quella di spostare i cassonetti in una zona più controllata ma purtroppo ogni mia richiesta è stata sottovalutata”.

Read 757 times

Utenti Online

Abbiamo 1196 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine