ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 17 Maggio 2020 04:51

Pulsano (Taranto) "Io populista geneticamente indipendente? Un onore essere definito così"

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Non si placa la polemica sull’abbandono del consigliere Angelo Di Lena dal gruppo della Lega di Salvini. "Io populista geneticamente indipendente? Un onore essere definito così. Io sto fra la gente e non servo lobby"

La polemica innescata dal comitato provinciale della Lega contro il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena non si placa e si arricchisce di un nuovo capitolo dopo gli ultimi epiteti a cui il consigliere ha voluto replicare così.
"dopo aver letto le ultime dichiarazioni del coordinamento cittadino della Lega - Pulsano per l' abbandono dal partito posso dire che allo squallore non c è fine.
Una caduta di stile con epiteti rivolti nei miei confronti che definiscono cosa è la Lega nella provincia ionica.
Anzitutto È stato detto che io sono un" populista geneticamente indipendente" in tono evidentemente dispregiativo.
Populista io?
Bhe se la mettiamo così personalmente sono orgoglioso di esserlo e fare gli interessi del popolo e non della casta e soprattutto di non servire lobby o padroni come fanno molti politici, perché io ho avuto mandato dalla gente ed amo stare fra la gente e, per quanto ciò possa darvi fastidio, sono molto amato dalla gente.
Volendo prendere le distanze dal sottoscritto è stato detto anche dal
coordinamento cittadino della Lega - Pulsano che "la politica è una cosa seria" quasi a voler sottolineare della differenze.. ..niente di più vero per me.
Andate a vedere cosa fa ogni giorno il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena .
Parlano i fatti, la gente che mi vede per strada. Io sono il politico che ha presentato più mozioni, interpellanze, interrogazioni di tutti gli altri messi insieme a Pulsano.
Io lavoro ogni giorno per il benessere dei cittadini e non sto dietro ad una scrivania ad aggiustarmi la cravatta, i pantaloni e le carte. Per non parlare del fatto che la mia presenza all’interno del partito sarebbe stata tollerata e non voluta.
Che falsità.
La lega mi ha cercato, mi ha chiamato, mi ha voluto fortemente, mi ha offerto un posto nel comitato provinciale prospettandomi ampi spazi di manovra per il bene della gente.
Non sono stato certo io a chiamare e a seguire il Sindaco Lupoli ed i suoi, ma sono stato io la prima persona ad essere chiamata e nominata nel coordinamento provinciale della Lega, anche se facevo parte a livello locale della opposizione.
Ma questo non fa comodo dirlo.
Infine escluso dalle riunioni ed emarginato dal comitato provinciale? 
Non mi sembra sia così.
Il mio telefono ha squillato fino all’ultimo giorno per cercare di trattenermi ad ogni costo.
La verità è che non fa comodo dire tante cose a cominciare dalla ridicola situazione di Pulsano dove la lega non si è mai costituita come gruppo politico e di lavoro, con un consigliere  all’opposizione e gli altri in maggioranza e non certo per la mia indisponibilità al dialogo.
Alla faccia della unità tanto decantata e predicata.
E non aggiungo altro per ora, sempre che questa polemica non continui.
La politica è una cosa seria?
Pensateci bene prima di parlare di qualcuno che si è comportato con lealtà e correttezza come è nel mio stile”.

Read 209 times

Utenti Online

Abbiamo 852 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine